La realtà prevale sulle parole: nonostante i venti di guerra, il valore dell’azionario Usa cresce

Dazi, tariffe e le minacce di un'imminente guerra commerciale tra Usa e Cina non facevano presagire nulla di buono. Invece, le performance azionarie - trainate dai risultati economici trimestrali delle aziende - sono positive. Anche se permane una situazione di allerta e transizione

BRYAN R. SMITH / AFP

Dazi, tariffe, guerre commerciali. Le minacce che aleggiano sui mercati globali non promettevano nulla di buono, invece le performance dell’azionario sono state positive.

A loro supporto i risultati economici trimestrali delle società, che hanno continuato a sorprendere. Il profitto delle aziende è cresciuto del 23,5%, un risultato vicino alla crescita già altissima del primo trimestre.

Continua a leggere su Moneyfarm

Dazi, tariffe, guerre commerciali. Le minacce che aleggiano sui mercati globali non promettevano nulla di buono, invece le performance dell’azionario sono state positive

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta