Sei un giornalista? Ecco quando e con quanto andrai in pensione

Liberi professionisti o lavoratori dipendenti, i giornalisti iscritti all’Albo hanno l’obbligo di versare i propri contributi all’INPGI. Ma questi basteranno per ottenere una buona pensione?

Dopo una vita di pubblicazioni, articoli, news e approfondimenti in cui i giornalisti versano contributi all’INPGI (Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani) questi possono contare su due vie per poter andare in pensione: quella di vecchiaia o quella anticipata.

Una volta raggiunti i requisiti, la pensione pubblica basterà a mantenere lo stile di vita desiderato anche da pensionati? Vediamo il caso di Elena, giornalista 29enne che ha deciso di agire per tempo per tutelare il proprio futuro.

Bisogna pensare fin da subito a costruirsi una sicurezza economica in più da affiancare alla pensione pubblica

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire come avere una pensione di scorta

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020