Ecco le 4 W essenziali per lo shopping da mobile

La nuova guida “Mobile Ready Hero Image” di GS1 indica come rispondere alle quattro domande fondamentali per migliorare la shopping experience di chi fa acquisti con uno smartphone su vetrine e scaffali digitali

GS1®, l’organizzazione mondiale rappresentata in Italia da GS1 Italy, ha pubblicato la nuova guida “Mobile Ready Hero Image”, sviluppata insieme a un gruppo di aziende di marca, retailer, solution provider ed esperti di tecnologia, con l’obiettivo di risolvere le difficoltà di presentazione dei prodotti in vendita online e delle relative informazioni ai consumatori che scelgono di fare shopping dai loro dispositivi mobili, quindi da schermi di piccole dimensioni.
La guida evidenzia che, anche nel caso dello shopping sul web, sono cruciali le famose “4 W”, le quattro domande fondamentali nel giornalismo:

  1. Who? (Chi, riferito al marchio)
  2. What? (Che cosa)
  3. Which? (Quale, riferito al tipo)
  4. hoW? (Quanto, riferito alla quantità presente)

I proprietari dei marchi e i retailer devono collaborare per rispondere a tutte e quattro le domande in modo chiaro, coerente ed efficace in tutta la vetrina o nello scaffale digitale. In questo modo aiutano i consumatori a trovare in modo più semplice il prodotto desiderato e gli elementi chiave per decidere l’acquisto, aumentano le vendite e riducono gli inserimenti sbagliati o accidentali di prodotti nel carrello.
Per il 2020 si prevede che la quota di possessori di smartphonea rriverà all’80% della popolazione e i dispositivi mobili saranno la piattaforma preferita per gli acquisti, in particolare per l’area del food. Però le confezioni dei beni di largo consumo sono pensate principalmente per l’esposizione fisica sugli scaffali dei negozi e non per essere visionate su schermi di dimensioni inferiori a 5,1 pollici (12,9 cm) di larghezza né per consumatori multistasking, impegnati in più attività simultaneamente.

Continua a leggere su TendenzeOnline

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta