Il rapporto deficit/Pil spiegato in parole semplici

La manovra fortemente voluta da Lega e Cinque Stelle preoccupa l'Unione Europea e fa ondeggiare lo spread. Ma perché questo indicatore è così importante? Scopriamolo insieme

DAMIEN MEYER / AFP

Le resistenze del ministro Giovanni Tria non sono bastate. Il governo italiano ha scelto di fare più deficit portandone il rapporto col Pil al 2,4% per i prossimi tre anni. Lo sforamento è stato fortemente voluto dai ministri Salvini e Di Maio per cercare di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale (reddito di cittadinanza, flat tax e riforma pensioni).

Ma cosa significa deficit pubblico al 2,4%? E come influenza l’andamento dello spread questa decisione?

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta