La nuova moda delle star: pentirsi dei ritocchi estetici

Gisele Bundchen: «Mi vergogno, e devo nascondere, con abiti larghi, il seno ritoccato». Jane Fonda: «Non ho avuto coraggio». Grande spreco di bellezza e anche di salute. I morti per interventi al sedere sono 1 donna ogni 3mila interventi

L’ultima, nella lunga lista di star pentite per i ritocchi con il botox, è Gisele Bundchen, la modella più pagata del momento, una bellezza irresistibile, che ha pensato bene, dopo avere allattato il suo primo bambino, di rifarsi il seno. Un disastro. Non solo estetico, ma anche psicologico, tanto che Gisele ha dovuto cambiare il suo abbigliamento. «Ho iniziato a indossare solo vestiti molto larghi, per nascondere il seno ritoccato…» confessa la modella nella sua autobiografia, ripresa da Vanity Fair.

Il pentimento della chirurgia estetica sta diventando quasi una nuova moda nell’universo delle star system. Una dietro l’altra, come dei birilli, le dive crollano e confessano il loro disagio di fronte al cambiamento del corpo, del volto, del sorriso, dello sguardo. La decana delle bellezze rifatte, male, e adesso fulminata dall’ autocritica, è Jane Fonda, che dice: «Odio il fatto di avere cambiato in modo così assurdo i miei connotati. Dovevo essere più coraggiosa…». Sulla stessa lunghezza d’onda Gwyneth Paltrow e Cameron Diaz che si sentono colpite in una cosa ormai persa: la loro espressività naturale. E con questa ferita non riescono più a riconoscersi guardandosi allo specchio. Mentre Nicole Kidman, anche lei stravolta dal botulino, può annunciare: «Oggi non uso più nulla e posso finalmente sorridere».

Continua a leggere su Nonsprecare.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta