Quanto ci costa davvero un rialzo dello spread

Facciamo chiarezza su un tema ormai all’ordine del giorno: gli effetti sull’economia, del Paese e dei cittadini, dell’oscillare dello spread tra Btp e Bund tedeschi

Come è ormai noto, con la parola “spread” si indica in particolare la differenza di rendimento tra i titoli decennali italiani e quelli tedeschi. I primi, essendo considerati molto stabili, funzionano da punto di riferimento generale, su cui vengono misurati i rischi dei titoli di altri Paesi. Quando la differenza (lo “spread”, appunto), che si misura in punti base, aumenta allora crescono anche i tassi di interesse.

Per capirsi, se lo spread è di 250 punti base, allora il Btp italiano ha un tasso di interesse maggiore del 2,5% E dovrà pagare sui suoi titoli un tasso del 2,5% più alto rispetto a quello applicato dai tedeschi.

Ma cosa significa, in concreto tutto questo? Quanto ci costa, come Paese e come cittadini, un rialzo dello spread? Lo spiega questo articolo di Risparmiamocelo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020