Geni & esploratori Tremate, Werner Herzog farà un documentario su Bruce Chatwin

I due, che furono amici e collaboratori, saranno uniti da un nuovo progetto voluto dalla Bbc. Herzog è stato avvistato in Argentina mentre faceva alcune riprese proprio dove è ambientato l’inizio di "In Patagonia". In un inseguimento che non finirà mai

Chi non lo conosce soffre di cecità al cospetto dello stupore. In Patagonia uscì nel 1977 e divenne un classico della letteratura di viaggio – e quindi della letteratura tout court, perché scrivere è sempre mettersi in cammino verso l’ignoto. Bruce Chatwin, con quel viso angelico, cristallino, nelle fotografie ha spesso gli scarponi spessi appesi su una spalla. Quel libro, In Patagonia, che aprì la via a un ‘genere’ – la letteratura ‘di viaggio’, appunto, nobilitandola – ma soprattutto a una nuova forma di turismo – godere la verginità paradossale di spazi all’apparenza incontaminati – comincia, per chi lo ricorda, con un dinosauro. In realtà, comincia con “un pezzo di brontosauro”, custodito dentro un armadietto “nella sala da pranzo della nonna”. Il brandello preistorico apparteneva a un bestione “vissuto in Patagonia, regione del Sud America all’estremo limite del mondo”, capitato, molte migliaia di anni dopo la sua morte, tra le mani del cugino della nonna di Chatwin. Dalla curiosità verso il mostro – il brontosauro – nasce nella zucca del piccolo Bruce l’idea di partire per la Patagonia.

Il secondo libro di Chatwin – visto che ormai si sente uno scrittore maturo – è un romanzo, s’intitola Il vicerè di Ouidah è ambientato in Africa, parla, con tratti fluorescenti, della tratta degli schiavi, è pubblico nel 1980 e capita tra le mani di Werner Herzog mentre il regista tedesco sta girando il suo film più grande, Fitzcarraldo. Finito il film, Herzog contatta Chatwin, che nel frattempo è in Australia. Gli chiede di scrivere con lui Dove sognano le formiche verdi. “Ascetico, con un paio di logori pantaloni militari e una maglietta che lasciava vedere il teschio ridente tatuato su una spalla”: così Bruce descrive Werner, è il loro primo incontro, a Melbourne.

Chatwin, che osserva gli uomini come fossero paesaggi, ha inquadrato subito Herzog. “Era un compendio di contraddizioni: tremendamente coriaceo ma vulnerabile, affettuoso e distaccato, austero e sensuale, piuttosto insofferente delle tensioni della vita quotidiana ma quanto mai efficiente nelle situazioni d’emergenza” (il ritratto, Werner Herzog nel Ghana è raccolto in Che ci faccio qui?, Adelphi, 1990). Chatwin si nega alla proposta di Herzog, che rilancia, “un giorno ne farò un film”, dice il regista, riferendosi a Il vicerè di Ouidah. Il film, in effetti, qualche anno dopo, nel 1987, con altro titolo, Cobra verde, si farà. Il film non è tra i più belli di Herzog, ma è noto perché sancisce la fine dei rapporti del regista con Klaus Kinski, “un adolescente di sessant’anni, tutto in bianco, con una criniera di capelli gialli”, così lo ricorda Chatwin.

Continua a leggere su Pangea

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta