Occhio agli acquistiAddobbi di Natale, il 90% arriva dalla Cina: pericolo per i materiali tossici

Non si tratta di una questione religiosa. Ma di un’egemonia commerciale, con diversi rischi per i consumatori italiani. I prodotti sono scadenti, spesso realizzati con materiali tossici

Addobbi di Natale? Comanda la Cina. Un’egemonia mondiale, che arriva fino dentro le nostre case, e si incarna negli alberelli, nelle palle, nelle stelle, nei presepi, con cui festeggiamo la più importante ricorrenza della tradizione e della cultura cristiana, la nascita di Gesù. Il 90 per cento delle decorazioni e degli addobbi natalizi venduti nel mondo, e quindi anche in Italia, sono rigorosamente made in China. Eppure appena l’1 per cento, una ristretta minoranza di cinesi, festeggia il Natale in quanto cristiani.

PERCHÉ EVITARE PRODOTTI MADE IN CHINA

I rischi e gli sprechi legati a questo incredibile dominio commerciale (uno dei tanti…), e non solo, sono diversi. Innanzitutto c’è l’enorme inganno del rapporto qualità-prezzo, che nel caso dei prodotti made in China appare molto conveniente. Appare, ma non lo è affatto. Si tratta quasi sempre di prodotti realizzati con materiali molto scadenti e tossici. Prodotti che poi durano al massimo una stagione, un Natale, e al prossimo bisogna ricomprarli, fino a perdere qualsiasi forma di convenienza.

Continua a leggere su NonSprecare!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020