Nuovo successo egiziano per Eni, Bpm riduce il rischio. Le 10 notizie finanziarie della settimana

In un’intervista a Milano Finanza, l’amministratore delegato di Bpm, Giuseppe Castagna, ha confermato che la cessione di 7,8 miliardi di euro di sofferenze. Il governo egiziano ha approvato la vendita, da parte di Eni, di una parte delle quote nella concessione esplorativa Nour, vicino al Sinai

Websim propone le società che potrebbero mettersi in luce questa settimana. I dieci titoli da tenere d’occhio sono:

Banco Bpm offre interessanti prospettive. In un’intervista a Milano Finanza, l’amministratore delegato, Giuseppe Castagna, ha confermato che la cessione di 7,8 miliardi di euro di sofferenze dovrebbe concludersi a breve. Con questa pulizia, la banca porterà a termine il processo di riduzione del rischio iniziato con la fusione di Banco e BPM: da quel momento le sofferenze sono scese di 18 miliardi di euro.

Eni è un titolo da monitorare con attenzione. Il governo egiziano ha approvato la vendita, da parte di Eni, di una parte delle quote nella concessione esplorativa Nour, vicino al Sinai: gli acquirenti sono Mubadala Petroleum (20%) e BP (25%). Questa operazione, che fa parte di una partnership più ampia siglata con BP, rafforza la collaborazione con Mubadala Petroleum in Egitto.

Vuoi sapere quali sono gli altri 8 titoli da tenere d’occhio in Piazza Affari secondo Websim? CLICCA QUI

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020