Perché la Francia può sforare e noi no? Ecco tutte le contraddizioni del fiscal compact

Perché l'Italia deve fare a braccio di ferro con l'Ue per tenere il rapporto deficit/Pil al 2%, mentre la Francia è libera di sfondare il 3%? Le contraddizioni del Fiscal Compact spiegate in maniera semplice

Di recente il commissario (francese) agli affari europei Pierre Moscovici dichiarava alla Reuters che “L’Italia ha violato per molti anni le regole di bilancio”. Contemporaneamente, il presidente francese Macron si apprestava a cedere alle richieste dei gilet jaunes promettendo misure che porteranno il rapporto tra deficit e PIL della Francia al 3%, o persino al 3,4%. E l’Italia? Inchiodata a battibeccare con la Commissione per abbassare quello stesso rapporto dal 2,4% al 2%. Perché in Europa si giocherà pure insieme, ma le regole che valgono per alcuni sembrano non valere per altri. Moscovici dice che i due paesi non sono comparabili: sogna o è effettivamente sveglio?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta