ConfrontiLa Francia sta peggio dell’Italia, ma non è vittima dello spread

Sui mercati finanziari i titoli francesi presentano uno spread più basso di quelli italiani. Eppure, da un punto di vista macroeconomico la Francia non è messa meglio dell'Italia

Una storia infinita di odio e amore, quella tra Italia e Francia. Dai vini alla gastronomia, dal calcio al ciclismo, per non parlare di cinema, moda, lusso, arte, fino alle grandi aziende, come dimostrano i tira e molla degli ultimi mesi.

E poi c’è lo spread: come sappiamo, più è alto, più i mercati finanziari hanno paura che uno Stato non riuscirà a far fronte ai suoi oneri. E allora siccome lo spread della Francia sta a 40 punti base rispetto al Bund tedesco e il nostro staziona invece a 250, la domanda sorge spontanea: perché se il debito pubblico francese cresce di più di quello italiano, lo spread resta più basso?

Per un confronto sui dati macroeconomici di Italia e Francia, leggi Risparmiamocelo!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta