Ecco perché investire in diamanti non è quasi mai un affare

Cinque banche e due intermediari ci sono ricascati ancora. Secondo i Pm agli sportelli sarebbero stati propinati agli investitori dei diamanti veri ma con quotazioni gonfiate, mostrando in modo ingannevole la quotazione sui giornali

PRAKASH SINGH / AFP

Un diamante è per sempre, ma anche la perdita di denaro di chi ha creduto di guadagnarci investendoci. Le banche ci sono ricascate ancora, ma a pagare sono sempre loro: i risparmiatori. Sarà il fascino della pietra o l’importanza che hanno nel nostro immaginario collettivo ma l’investimento in diamanti è spesso associato con l’idea di sicurezza, come se si trattasse di un bene rifugio, una scelta sulla quale è impossibile sbagliare. E invece è stato così. Questa volta lo scandalo ha toccato due itnermediari e cinque banche.

Continua a leggere su Moneyfarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta