Italia in recessione? Ecco perché l’Ocse potrebbe sbagliarsi

Secondo l’organizzazione per lo sviluppo economico prevede che il tasso di crescita del prodotto interno lordo italiano sarà negativo e pari al -0,2%. il 2019. Rimane una sola arma a disposizione: la politica fiscale

Nel 2019 l’Italia entrerà in recessione come Argentina e Turchia. Secondo l’ultimo economic outlook dell’OCSE, l’organizzazione internazionale con sede a Parigi, prevede per quest’anno che il tasso di crescita del prodotto interno lordo italiano sarà negativo e pari al -0,2%. Ovvero il peggior anno dell’economia italiana dal 2013. La pensa così anche il Fondo Monetario Internazionale, nel suo ultimo rapporto dedicato all’Italia, ha avvertito sull’aumento dei rischi di recessione per l’economia tricolore. Tra i paesi del G20, questa stima proietterebbe l’Italia al terz’ultimo posto, davanti a Turchia e Argentina.

Vuoi scoprire perché non è così scontato che l’Italia vada in recessione nel 2019?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta