PrevidenzaRegime forfettario: cosa cambia per la previdenza integrativa?

Da quest’anno la tassazione agevolata del regime forfettario riguarda una platea di imprenditori e liberi professionisti più estesa: chi può beneficiarne e cosa comportano queste agevolazioni per la previdenza integrativa?

Pixabay

Il regime forfettario è una forma di tassazione agevolata rispetto al regime ordinario IRPEF: al reddito, determinato forfettariamente, viene applicata un’imposta sostitutiva con aliquota del 15%. Quest’anno possono accedervi i liberi professionisti e gli imprenditori con compensi e ricavi non superiori a 65.000 euro annui. Inoltre sono previste una serie di semplificazioni contabili.

Le deduzioni e le detrazioni fiscali restano salve? No, o meglio, solo a determinate condizioni. E per la previdenza integrativa quali sono le conseguenze di un aderente che si avvale dei vantaggi del regime forfettario? Per loro scatta un risparmio fiscale molto vantaggioso.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire nel dettaglio tutti i vantaggi del regime forfettario e della previdenza integrativa

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta