Lo studioScoperta: i formaggi che ascoltano hip hop diventano più buoni

La notizia è strana, ma strano è anche il fatto che si racconta: in Svizzera, per un esperimento, hanno esposto alcune forme di emmental a musiche diverse per un mese. E il sapore ne è stato condizionato

Come si vince la sfida per il formaggio Emmental più buono? Secondo Antony Wiss, campione del mondo nella categoria, facendo ascoltare alle forme musica hip hop.

Non è una barzelletta, ma il risultato di un esperimento condotto a Burgdorf, in Svizzera, in una collaborazione tra la University of Arts di Berna e il veterinario Beat Wampfler: sottoporre i formaggi a un ascolto lungo mesi di diverse musiche diverse: da Mozart a A Tribe Called Quest, fino a Yello e i Led Zeppelin, passando per la techno e, soprattutto, l’hip hop. Il progetto si chiamava “Chesse in Surround Sound – a culinary art experiment”.

Dopo otto mesi di esposizione ininterrotta, i risultati parlano chiaro: ha vinto l’hip hop. “I batteri hanno fatto un ottimo lavoro”, ha detto Wampfler a una conferenza stampa i cui presentava i risultati. Il formaggio bombardato da A Tribe Called Quest risultava “fruttato, sia nel sapore che nell’odore, e del tutto diverso dagli altri esemplari”.

Come è possibile? Anche gli scienziati, come spiega il professor Michael Harenberg, “sono sconvolti”. Non sanno spiegarsi come mai la musica abbia potuto influenzare in questo modo il risultato.

La soluzione, con ogni probabilità, è che l’esposizione alle vibrazioni – a una certa particolare frequenza di vibrazioni – possa avere delle conseguenze del processo di invecchiamento del formaggio.

Oppure può anche voler dire che i formaggi svizzeri hanno dei gusti musicali discutibili.

Questa è la lista delle musiche utilizzate:

1. No sound (reference box)
2. Ambient: Yello – ‘Monolith’
3. Classical: W.A. Mozart – ‘The Magic Flute’
4. Techno: Vril – ‘UV’
5. Rock: Led Zeppelin – ‘Stairway to Heaven’
6. Medium frequency: 200 kHz
7. High frequency: 1000 kHz
8. Hip hop: A tribe called quest – ‘We Got (the Jazz)’
9. Low frequency: 25 kHz

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta