PrevidenzaFigli e pensioni, ecco come aiutarli

Aiutare e sostenere un figlio anche per la pensione è possibile grazie a quella integrativa, che si aggiunge a quella percepita dallo Stato. E che fornisce una garanzia in più per il futuro

Photo by Boxed Water Is Better on Unsplash

Minore o trentenne che sia, per un genitore poter sostenere il proprio figlio è ciò che di più prezioso ci sia. Certo, una volta indipendente molti aspetti della sua vita non competeranno (giustamente) più a mamma e papà, come le scelte relative al percorso di studi, quelle lavorative, o ancora, quelle sentimentali. Questo potrebbe indurre a pensare che a maggior ragione un genitore non può aiutare un figlio per la sua futura pensione.

Fortunatamente non è così, anzi, sin dai “primi passi” un genitore può sostenerlo in due modi:

1. Aprendo una posizione presso un fondo pensione a nome del figlio

2. Se il genitore è iscritto per se stesso alla previdenza integrativa, grazie alle flessibilità dello strumento, può utilizzare quanto accumulato nel fondo pensione per aiutare il figlio.

Continuiamo a leggere su propensione per scoprire come poter aiutare un figlio con la pensione integrativa

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta