FinanzaI guadagni di Eni sulla fine dell’importazione di petrolio dall’Iran e le altre notizie finanziarie della settimana

Da quando gli Stati Uniti hanno annunciato la fine della deroga per l’importazione di petrolio iraniano, ogni aumento di 1 dollaro al barile beneficia Eni di 170 milioni sull’utile netto. Ecco i 10 titoli da tenere d’occhio in Borsa questa settimana

Miguel MEDINA / AFP

Eni sotto i riflettori. Gli Stati Uniti hanno annunciato la fine della deroga per l’importazione di petrolio iraniano, della quale dal novembre scorso beneficiavano otto Paesi, fra cui l’Italia. A seguito della notizia, i prezzi del greggio sono aumentati. Ogni incremento di 1 dollaro al barile corrisponde un impatto positivo per Eni pari a circa 170 milioni sull’utile netto. Contenuto disponibile agli abbonati websim

FinecoBank è un titolo da monitorare con attenzione. Nel corso del mese di aprile ha segnato il record storico di 12,56 euro. La società ha inoltre staccato il dividendo pari a 0,303 euro per azione (yield 2,50%), in aumento rispetto ai 0,285 euro per azione dell’anno scorso. Contenuto disponibile agli abbonati websim

Vuoi sapere quali sono gli altri 8 titoli da tenere d’occhio in Piazza Affari secondo Websim? CLICCA QUI

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta