Mangia come vendiCome saranno i cibi del futuro (e come imparare a proporli)

Prodotti sempre più accessibili, sempre più scelta, e sempre più specializzazione: così è il mondo dei cibi del futuro. Ma se il mondo del retail vorrà avere successo nelle vendite, dovrà soprattutto saperli far assaggiare

Photo by Brooke Lark on Unsplash

Dalle lunghe frequentazioni con il retail internazionale, statunitense in particolare, Daniele Tirelli, presidente di Retail Institute ha maturato una convinzione che può sintetizzarsi così: per avere successo la distribuzione alimentare ha una strada maestra d percorrere, quella del continuo stimolo della domanda.

Come? Offrendo innovazione ai massimi livelli: di prodotto, espandendo l’offerta, e di concept, affiancando la possibilità di sperimentare i nuovi prodotti e i nuovi gusti nel momento i cui il consumatore potenziale cliente viene in contatto con il prodotto sullo scaffale o nella vetrina del reparto freschi.

E per dar forza a questo suo concetto, in un incontro di Retail Plaza a Tuttofood, ha coniato un neologismo di una certa efficacia – food evolvation, crasi tra evolution e innovation – frutto di un dotto ragionamento in cui trovano spazio Darwin e Lamarck, l’epigenetica e la speciazione, cioè il processo di creazione di una nuova specie vegetale o animale, l’espansione delle referenze e l’esperienza nel punto vendita.

Continua a leggere su TendenzeOnline

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020