Ecco perché siamo tornati nell’epoca della Grande Moderazione

Negli ultimi otto anni, l’inflazione sia negli Stati Uniti sia in Europa si è mossa costantemente sotto il livello target delle banche centrali, intorno al 2%, nonostante siano state messe in atto politiche monetarie espansive senza precedenti

Moneyfarm

Neanche venti anni fa c’è stato un periodo in cui numerosi studi hanno mostrato la sempre minor volatilità degli indici economico-finanziari. In questa breve era chiamata “Grande Moderazione” la crescita del Pil e l’inflazione rimanevano sempre stabili. E ora si potrebbe tornare a quell’epoca. O forse ci siamo già entrati. Nel primo trimestre l’economia degli Stati Uniti ha battuto ancora le aspettative, facendo registrare un tasso di crescita anno su anno superiore al 3,2%. Il risultato ha in parte alleviato le preoccupazioni riguardo lo stato dell’economia, che a partire dal secondo trimestre del 2018 avevano mostrato chiari segnali di rallentamento. La dinamica dei prezzi, tuttavia non ha seguito la direzione della crescita economica, stabilizzandosi a livelli nettamente inferiori al 2%. Il target d’inflazione dalla Federal Reserve. Questo dato è di vitale importanza per i mercati finanziari. La politica monetaria, che ha come obiettivo principale il controllo dell’inflazione, è infatti in questo momento il fattore con il maggiore potenziale per condizionare l’andamento dei mercatii. Il particolare equilibrio che si è venuto a creare sembra essere piuttosto rassicurante. Uno scenario dove la crescita economica è costante, l’inflazione moderata e positiva e i salari in aumento è sicuramente favorevole, sia per quanto riguarda i mercati finanziari, sia per quanto riguarda l’economia reale.

Continua a leggere su Moneyfarm