Geni poco compresi“Meditazioni dello scorpione”, Sergio Solmi è il vero genio sconosciuto della nostra saggistica

Presente e li­bero, padrone di se stesso e in grado di giudicare le de­bolezze e i ‘vuoti’ degli al­tri, Solmi è un saggista geniale. In qualche caso feroce. E la cultura italiana l’ha sempre sottovalutato, a torto

Quel libro che ha valore di un aculeo. Uscito nel 1972, dal titolo indimenticabile, Meditazioni sullo Scorpione, chiunque lo conosca continua a rileggerlo, a tenerlo sotto il cuscino, ne tramanda il segreto. Qui siamo al vagabondaggio del pensiero che semina rasoi sotto le palpebre. Sergio Solmi, insomma, è uno dei più raffinati scrittori e pensatori dell’epoca, ma pochi lo sanno, presi a omaggiare Manganelli o Landolfi o altri esteti del bello stile, lo traviano all’oblio.

Quel libro che ha valore di un aculeo. Uscito nel 1972, dal titolo indimenticabile, Meditazioni sullo Scorpione, chiunque lo conosca continua a rileggerlo, a tenerlo sotto il cuscino, ne tramanda il segreto. Qui siamo al vagabondaggio del pensiero che semina rasoi sotto le palpebre. Sergio Solmi, insomma, è uno dei più raffinati scrittori e pensatori dell’epoca, ma pochi lo sanno, presi a omaggiare Manganelli o Landolfi o altri esteti del bello stile, lo traviano all’oblio.

Ci fu una specie di venerazione verso Solmi, nato 120 anni fa, cresciuto a Torino, impiegato ad alto livello nella Banca Commerciale Italiana (il che gli impedì di infognarsi nel battibecco letterario, da cui si tenne a distanza). Carlo Bo ne scrisse così: “Solmi è stato antifascista, combattente del­la Resistenza e nella sua fa­mosa fuga dalla caserma del­le brigate nere di via Ro­vello dobbiamo rilevare un tratto che illumina anche lo studioso e il poeta. La­sciato per un momento li­bero dai suoi aguzzini, il Solmi chiese dove fosse l’u­scita e se la squagliò. Que­sto è stato sempre il suo modo di comportarsi anche in letteratura: presente e li­bero, padrone di se stesso e in grado di giudicare le de­bolezze e i ‘vuoti’ degli al­tri. Proprio per questo, sen­za mai venire meno alla re­gola del riserbo e della pru­denza, insomma fuor della mischia, è arrivato più in là degli altri, senza aver pagato scotti di nessun ge­nere, arbitro dei suoi lun­ghissimi e intensi approcci alla verità poetica”.

Nella ricostruzione di un Mitreo ho visto il toro di bronzo che si allontana, disfacendo il corpo, dallo scorpione con la coda irta, simile a una lanterna. Scorpione fuoco in fuga, perpetua agnizione. Dello scorpione, inteso anche come sego zodiacale (“vermiglia, al centro dell’addome, brillerà la luce di Antares”), Solmi fa il centro dell’enigma, dell’ambiguità d’esistere, del ritorno allo scatto che uccide, vibrando la vita. “Attenuandosi il febbrile scompenso che diciamo esistere, ci sembrerà sempre più di ‘essere’, come gli animali e le piante, che tanto più di noi coincidono con la loro figura, affermano senza dubitazioni la loro essenza… Il fertile abisso dell’inesistenza d’aprirà ancora una volta a picco nel nostro essere, la guerra madre di tutte le cose ci metterà ancora contro noi stessi, e un fresco pullulare d’inafferrabili memorie rispumeggerà ancora dalla cieca corrente: inebriante movimento, cara vertigine di sentirci ancora fuggenti tra essere e non essere, estrema ventata di poesia”. Cavalcare lo scorpione e suggere tutti i veleni del vivere, come voleva Rimbaud, tra i totem della ricerca letteraria di Solmi.+

Continua a leggere su Pangeanews

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta