SoldiEcco perché la Brexit senza accordo affosserà la sterlina

L'ipotesi di un'uscita del Regno Unito dall'Unione europea senza raggiungere un accordo è sempre più probabile dopo l'elezione del nuovo premier. La moneta inglese ha toccato i minimi dal gennaio 2017. L'euro potrebbe indebolirsi rispetto al dollaro e gli asset Usa potrebbero farsi interessanti

KIRSTY WIGGLESWORTH / POOL / AFP

Da quando Boris Johnson è diventato premier del Regno Unito l’ipotesi di una Brexit senza accordo il 31 ottobre si fa sempre più probabile. Oltre al rischio politico di veder i nazionalisti scozzesi e gli indipendentisti nordirlandesi chiedere un referendum per staccarsi da Londra per avere un secondo referendum sull’indipendenza in uno scenario senza accordi. L’ipotesi di no deal sarebbe negativa per gli asset domestici del Regno Unito e che la recente debolezza della sterlina – che ha toccato proprio in questi giorni il minimo da gennaio 2017 – sia un riflesso di tale scenario. Possiamo aspettarci che l’euro si indebolisca nei confronti del dollaro. Che le aspettative di crescita nell’Ue e nel Regno Unito vengano ridotte e che l’inflazione nel Regno Unito aumenti di nuovo, come è successo dopo il 2016. E anche che gli asset statunitensi appaiano relativamente più interessanti.

Continua a leggere su Moneyfarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta