PrevidenzaAltro che sesso, droga e rock’n’roll: Mick Jagger a vent’anni pensava alla sua pensione

All’inizio della propria carriera l’icona del rock Mick Jagger credeva che a sessant'anni non avrebbe più cantato e che sarebbe andato in pensione

KEVIN WINTER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

La punta di diamante dei Rolling Stones è inarrestabile: a 76 anni, nonostante la recente operazione al cuore, ha già ripreso il tour della band calcando i più prestigiosi palchi degli States.

Molti forse non sanno che prima del grande successo, quando Jagger iniziava a muovere i primi passi da cantante, si faceva assistere dal commercialista Laurence Myers al fine di pianificare una corretta gestione dei propri risparmi così da costruirsi una stabilità economica per il futuro. Nel suo libro il commercialista riporta che a vent’anni il giovane Mick Jagger gli confidava:

“Dopo tutto Laurence, non farò il cantante rock dopo i 60 anni.”

Le sue previsioni sulla futura carriera da artista erano errate tuttavia il cantante, probabilmente anche grazie ai suoi studi in ambito economico, sapeva bene che la vita non è solo uno “spasso” e che per poter vivere al meglio è necessario fare scelte coraggiose e consapevoli.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire i pensieri del giovane Mick Jagger su come tutelare il proprio futuro pensionistico.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta