RisparmioEcco perché conviene aprire un fondo di risparmio per gli imprevisti

Nella vita è normale che capiti un’emergenza: perdere il lavoro, non riuscire a pagare in tempo un guasto alla casa o all’auto, ma investire i propri soldi in un apposito fondo per affrontare nel modo giusto le emergenze è possibile

Photo by Fabian Blank on Unsplash

Cicala o formica? Non c’è dubbio che l’Italia sia un popolo di formiche. La propensione delle famiglie a lasciare i propri guadagni sul conto corrente, agevolata da tassi quasi nulli, si rafforza di anno in anno. A partire dal 2008, quando la tempesta economico-finanziaria ha attraversato l’Oceano Atlantico colpendo il nostro Paese e l’Europa. Secondo gli ultimi dati diffusi da Bankitalia, solo nel 2018, di oltre 4 miliardi di ricchezza finanziaria, circa un miliardo si è trasformato in risparmio. La paura di perdere il lavoro o di un aumento delle tasse sono le ragioni che spingono le famiglie a mettere da parte il denaro. E nel 2019, la quota di reddito risparmiata dagli italiani ha toccato il suo massimo storico. Investire quanto è stato risparmiato in modo intelligente è però possibile.

Che cos’è un fondo di risparmio per gli imprevisti? Scoprilo su Risparmiacelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta