Il primo forum multistakeholder di Cassa depositi e prestiti all’insegna della sostenibilità

Cinque tavoli di lavoro per rendere sempre più incisivo l’azione di Cdp per la crescita del territorio e delle comunità. Dall’innovazione alla riqualificazione urbana in chiave smart, fino allo sviluppo delle infrastrutture sociali

Cdp

Cinque tavoli di lavoro per valorizzare il ruolo di Cassa depositi e prestiti di fronte alla sfida della sostenibilità. Questo è stato l’obiettivo del primo Forum di Multistakeholder di Cdp. I principali portatori di interesse (stakeholder) hanno discusso di innovazione, riqualificazione urbana in chiave smart, sviluppo delle infrastrutture sociali per rendere sempre più incisiva l’azione di Cassa Depositi e Prestiti per la crescita del territorio e delle comunità. Una riflessione propositiva il cui risultato è stato condiviso con i vertici di Cassa depositi e prestiti. Grazie al confronto con gli stakeholder Cdp valorizzerà la qualità degli impegni assunti e rafforzerà la capacità di ascolto e confronto per individuare insieme le migliori soluzioni alle esigenze reali del Paese.

Ad aprire i lavori del Forum è stato il direttore Generale del Tesoro Alessandro Rivera e il Presidente delle Associazioni di fondazioni e casse di risparmio (Acri), Francesco Profumo, hanno aperto ieri il primo Forum, insieme all’Amministratore delegato Fabrizio Palermo e il presidente Giovanni Gorno Tempini. I due azionisti hanno sottolineato il ruolo centrale di Cassa depositi e prestiti per lo sviluppo sostenibile del Paese rimarcando l’importanza del tema nel piano industriale di Cdp 2019-2021. «In 170 anni Cassa depositi e prestiti non ha mai tradito la sua missione a supporto della crescita sostenibile. Con il primo Forum Multistakeholder vogliamo rafforzare la consapevolezza sul ruolo che Cdp può svolgere per guidare una nuova stagione di sviluppo dell’Italia» ha dichiarato l’Amministratore delegato di Cdp Fabrizio Palermo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta