Essere previdentiAssicurazione sulla vita: una protezione che non può mancare

Progetti di vita condivisi, famiglia che si allarga, nipoti tanto affezionati: chiunque si ami può essere protetto con una polizza sulla vita

Photo by Xavier Mouton Photographie on Unsplash

Quando si vuole bene ad una persona il desiderio più grande è quello di proteggerla, soprattutto se conta sul tuo sostegno non solo affettivo ma anche economico, come un compagno di vita o un figlio. In questi casi il pensiero di venire a mancare ci preoccupa e garantire alle persone care un capitale sarebbe di certo più rassicurante. Non sempre, però, è possibile farlo da soli con i propri mezzi, e raccogliere le risorse necessarie risulta non solo difficile ma anche antieconomico. Per questo esiste l’assicurazione sulla vita TCM (temporanea caso morte), un contratto assicurativo che a fronte del pagamento di un premio, spesso esiguo, garantisce un capitale a chi si desidera.

Del resto, come potrebbe mancare nel caso di una coppia che condivide progetti di vita quali l’acquisto di una casa e l’avvio di un’attività, o ancora, in una famiglia che si allarga. Il “bello” della polizza vita inoltre è di essere flessibile, perché sottoscrivibile a protezione di qualunque persona si voglia proteggere, come nel caso di una zia per i suoi affezionati nipoti.

Assicurare un capitale di 350.000 euro potrebbe venire a costare poco più di 20 euro al mese scegliendo il prodotto giusto.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire come funziona e quanto conviene un’assicurazione sulla vita TCM

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta