Appello transnazionaleI corrispondenti francesi chiedono a Macron di guardare cosa sta facendo l’Italia sul coronavirus

La Francia sta sottovalutando la gravità dell’epidemia, scrivono i giornalisti francesi che lavorano in Italia e stanno coprendo la crisi degli ospedali e la risposta delle autorità italiane. E chiedono all’opinione pubblica del loro paese una presa di coscienza

Siamo giornalisti in Italia per dei media francesi e francofoni, e copriamo fin dai primi giorni l’epidemia del coronavirus nella penisola. Abbiamo constatato la progressione rapidissima della malattia e abbiamo raccolto le testimonianze del personale sanitario italiano. Molti ci hanno raccontato della situazione tragica nella quale versano gli ospedali, i servizi di terapia intensiva saturi, il triage dei pazienti che comporta il sacrificio delle persone più deboli a causa della mancanza di respiratori artificiali per tutti.

Consideriamo che sia nostra responsabilità inviare un messaggio alle autorità pubbliche francesi ed europee affinché si rendano infine conto della gravità del pericolo. Tutti noi osserviamo una distanza spettacolare tra la situazione alla quale assistiamo quotidianamente in Italia e la mancanza di preparazione dell’opinione pubblica francese a uno scenario, confermato dall’enorme maggioranza degli esperti scienfici, di una propagazione importante, se non massiva, del coronavirus. Anche al di fuori dell’Italia non c’è più tempo da perdere. Pensiamo che sia nostro dovere sensibilizzare la popolazione francese. Spesso, i riscontri che ci arrivano dalla Francia mostrano che gran parte dei nostri compatrioti non ha cambiato le proprie abitudini. Pensano di non essere minacciati, soprattutto quando sono giovani. L’Italia, però, comincia ad avere dei casi critici in rianimazione anche nella fascia d’età che va dai 40 ai 45 anni. Il caso più eclatante è quello di Mattia, 38 anni, sportivo e ciononostante appena uscito da 18 giorni di terapia intensiva. È il primo caso di Codogno, al cuore della zona rossa del sud della Lombardia, decretata a fine febbraio.

Alcuni francesi non hanno coscienza che in caso di patologia grave, non legata al coronavirus, non saranno presi in carico nel modo dovuto dagli ospedali perché i posti sono insufficienti, come già accade in Italia da molti giorni. Sottolineiamo anche che il sistema sanitario italiano a essere saturo in questo momento è quello del Nord, il migliore d’Italia, tra i migliori d’Europa. La Francia deve trarre una lezione dall’esperienza italiana.

Manuella Affejee, della redazione francofona di Radio Vatican

Delphine Allaire, della redazione francofona di Radio Vatican

Salvatore Aloïse, corrispondente di ARTE

Olivier Bonnel, della redazione francofona di Radio Vatican

Bertrand Chaumeton, regista radio

Marie Duhamel, della redazione francofona di Radio Vatican

Ariel F. Dumont, corrispondente di Marianne, Le Quotidien du Médecin

Antonino Galofaro, corrispondente di Le Temps

Bruce de Galzain, corrispondente permanente di Radio France en Italie

Marine Henriot, della redazione francofona di Radio Vatican

Arthur Herlin, direttore dell’agenzia i.Media

Richard Heuzé, Politique internationale

Blandine Hugonnet, giornalista freelance

Franck Iovene, AFP

Éric Jozsef, corrispondente di Libération et RTS

Anne Le Nir, corrispondente di RTL/La Croix

Marc-Henri Maisonhaute, giornalista freelance

Francesco Maselli, corrispondente de l’Opinion

Alban Mikoczy, corrispondente di France2/France3

Jean-Charles Putzolu, Radio Vatican

Quentin Raverdy, giornalista freelance

Xavier Sartre, della redazione francofona di Radio Vatican

Eric Sénanque, c corrispondente di RFI in Vaticano

Valérie Segond, corrispondente di Le Figaro

Nicolas Senèze, inviato speciale permanente de La Croix au Vatican

Anne Tréca, corrispondente di RTL

Valentin Pauluzzi, corrispondente de L’Équipe

Arman Soldin, inviato speciale AFPTV

Matteo Cioffi, corrispondente sportivo di Rfi

Natalia Mendoza, corrispondente di France 24

Manuel Chiarello, Jri indipendente

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta