Previsioni epidemiologicheEcco quando arriverà il picco e quando finirà l’emergenza, secondo le stime del governo

La relazione tecnica del decreto emergenza prevede che tra due o tre giorni raggiungeremo il massimo dei contagiati. Poi ci sarà una lenta discesa fino ad aprile. Se tutto va bene, se tutti seguono le regole, la liberazione dal virus arriverà il 25 aprile

Di buono, per il momento, ci sono i numeri delle infrastrutture. In Lombardia i posti letto per la terapia intensiva sono arrivati a 1.200, come ha dichiarato l’assessore per la sanità Giulio Gallera, di cui 924 sono occupati. Tutti le altre cifre, adesso, non incoraggiano: i contagi sono aumentati e toccano quota 20.603, mentre i morti sono 1.809 e i guariti (per fortuna di più) sono 2.335.

Quando finirà? Difficile dirlo. Forse a fine aprile. Come è stato riportato su alcuni quotidiani nei giorni scorsi, la previsione ufficiale del governo, contenuta nella relazione tecnica del terzo decreto sull’emergenza, colloca il picco, cioè il punto più alto della curva ascedente dei contagi, il 18 marzo. Ancora due giorni.

La stima, spiegano, si basa sull’andamento dei contagi fino all’8 marzo ed elabora una previsione per i giorni successivi, con un raddoppio e poi un calo graduale che sarebbe dovuto alle misure di contenimento. Alla fine, si raggiungerebbe un totale di 92mila contagi.

Al momento, sembra che i numeri siano corretti: per il 15 marzo le stime parlavano di 3.500 nuovi casi e se ne sono contati 3.590. Per oggi 16 marzo dovrebbero essere meno di 4mila. Se l’andamento segue le previsioni, anche alla luce dei provvedimenti restrittivi presi dal governo incrociati al periodi di incubazione dell’infezione, l’emergenza sarà da considerarsi esaurita per il 25 aprile. Di nuovo, data fatidica per l’Italia.

In ogni caso, è meglio non nutrire speranze eccessive. Al Sud, sulla base dell’andamento della diffusione dei contagi lombardi, si aspettano il rispettivo picco intorno a fine marzo e inizio aprile. Ma le preoccupazioni crescono: se si verificassero i numeri lombardi il sistema sanitario crollerebbe. La speranza è che la corsa ai posti letto degli ultimi giorni – si prevede di aggiungerne cinquemila in tutto il Paese in meno di 45 giorni – si riveli sufficiente per contenere l’impatto. In Campania, il presidente Vincenzo De Luca ha impostato un piano per recuperare 490 posti letto, di cui 102 per la terapia intensiva. Lo scenario più severo, come ha spiegato in una delle sue dirette, prevede di utilizzare «150 posti». Noi, ha detto, «dobbiamo reggere un mese e mezzo, due mesi e poi non ci saranno medici che dovranno scegliere chi deve vivere e chi morire».

In Puglia il presidente Michele Emiliano deve rivedere i piani iniziali, spiega in una intervista a Repubblica, alla luce del rientro «inopinato dal Nord» di quasi 18.000 persone, numeri importanti e soprattutto «sottostimati» perché non tutti si sono autodenunciati. E allora la Regione, affidandosi all’epidemiologo Pierluigi Lopalco, si organizza per contenere il contagio cercando di «evitare l’ospedalizzazione».

In ogni caso, la strategia in tutta Italia dovrà essere mista. Quarantena, sì. Ma anche ricerca dei contagiati. In questo senso – lo ha detto anche l’équipe di medici di Wuhan venuti in Italia – l’esame del tampone viene fatto troppo poco. Serve un approccio a tappeto, non limitato solo a chi ha sintomi, dal momento che il contagio passa spesso anche attraverso gli asintomatici. Il modello indicato sarebbe la Corea del Sud. E se arriverà a breve un nuovo modello di test che consente di avere risultati in pochi minuti (e non le 24 ore necessarie adesso) questo tipo di operazione diventerà possibile.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta