Dopo il virusDraghi al FT: cancellare il debito privato, aumentare il debito pubblico

In un editoriale sul Financial Times, l’ex presidente della Banca centrale europea ha scritto chiaramente che l’economia non ripartirà senza un massiccio intervento degli Stati, che dovranno indebitarsi molto

(Daniel ROLAND / AFP)

L’ex presidente della Banca centrale europea ha scritto un editoriale sul Financial Times per commentare la probabile crisi economica causata dal coronavirus e tratteggiare gli scenari futuri: «Livelli più alti di debito pubblico diventeranno una caratteristica permanente delle nostre economie, e saranno accompagnati da cancellazioni del debito privato. Laddove l’esplosione dell’epidemia e i conseguenti lockdown saranno più lunghi, le aziende private potranno realisticamente restare aperte soltanto se il debito accumulato per evitare di licenziare il proprio personale durante questo periodo verrà alla fine cancellato».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta