Cura ItaliaStop alla riscossione delle tasse e scadenze fiscali prorogate, ecco che cosa prevede il decreto

Misure diverse a seconda del fatturato. Il decreto del governo sospende anche fino al 31 maggio i termini relativi alle attività di liquidazione, controllo, accertamento e contenzioso

Lo stop all’attività di riscossione da parte della Agenzia delle entrate era arrivata già nei giorni scorsi. Il decreto “cura Italia”, oltre a congelare le scadenze fiscali del 16 marzo, sospende fino al 31 maggio i termini relativi alle attività di liquidazione, controllo, accertamento e contenzioso.

Fisco sospeso. I versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali e assistenziali e ai premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo, sono prorogati al 20 marzo. Fanno eccezione le imprese con ricavi non superiori ai 2 milioni di euro, per i quali lo stop al pagamento delle tasse, dall’Iva ai contributi, è esteso fino al 31 maggio. Nessun limite di fatturato, invece, sulla sospensione del fisco per le filiere più colpite: turistico-alberghiero, termale, trasporti passeggeri, ristorazione e bar, cultura (cinema, teatri), sport, istruzione, parchi divertimento, eventi (fiere/convegni), sale giochi e centri scommesse. Stop alle ritenute d’acconto sulle fatture di marzo e aprile per i professionisti senza dipendenti con ricavi non superiori a 400mila euro. Per le imprese turistico recettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, i termini dei versamenti dell’Iva in scadenza nel mese di marzo 2020 sono sospesi.

Le società sportive e dilettantistiche potranno sospendere i pagamenti fino al 30 giugno. Dopodiché, in tutti questi casi, si potrà procedere a pagare in un’unica soluzione o tramite cinque rate mensili. Rinviate a fine maggio anche le tasse sul gioco. Sospesa fino al 30 aprile la tassa di ancoraggio per le imprese marittime. I pagamenti dei diritti doganali slittano fino a fine maggio. Rinvio al 31 maggio anche per i rendiconti e bilanci di esercizio per gli enti locali.​

Restano valide invece le scadenze per le comunicazioni sui dati relativi al 730 precompilato e alle spese detraibili.

Menzione speciale. I contribuenti che, non avvalendosi di una o più tra le sospensioni di versamenti previste, effettuano qualcuno dei versamenti sospesi, possono chiedere che del versamento effettuato sia data comunicazione sul sito istituzionale del Ministero dell’Economia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta