PropensioneSempre più italiani scelgono di proteggersi con la previdenza complementare

La crescita del numero degli aderenti e del patrimonio gestito dai fondi pensione dimostra la validità dello strumento e la consapevolezza, da parte degli italiani, della sua utilità.

Da sempre definiti come un popolo di risparmiatori, per tutelare il proprio futuro tenore di vita una volta in pensione, gli italiani scelgono la previdenza complementare. A dimostrarlo sono i numeri pubblicati dalla Covip in costante crescita. Sempre più lavoratori dipendenti, liberi professionisti, lavoratori autonomi o addirittura genitori per figli ancora a carico scelgono di attivare un piano di previdenza integrativa in cui risparmiare in maniera flessibile e soprattutto fiscalmente vantaggiosa: +4,5% di nuovi aderenti rispetto al 2018 per un totale di 393.000 nuove posizioni nel 2019.

Anche le risorse versate alla previdenza integrativa e complessivamente gestite sono andate di pari passo crescendo e raggiungendo, a fine 2019, quota 184,2 miliardi di euro:

  • +11,4% per i fondi pensione chiusi
  • +16,4% per i fondi pensione aperti
  • +15,8% per i PIP – piani individuali pensionistici

Non solo aderenti e masse gestite, il 2019 è stato senz’altro positivo anche sotto il punto di vista delle performance registrando rendimenti medi pari a +7,2 nei fondi chiusi, + 8,3% nei fondi pensione aperti e +12,2% nei PIP.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire nel dettaglio tutti i numeri della previdenza integrativa nel 2019.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta