Cucina con GastronomikaCarpaccio di scampi alla pizzaiola

Avete mai assaggiato una pizza di mare? Ecco come realizzarla, secondo Daniel Canzian. Un piatto per una cena veramente speciale, in attesa di ritrovare i menu dello chef nel suo ristorante che riapre il 1 giugno

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti per 4 persone

16 code di scampo grandi, sale, polpa di pomodoro fresco, burrata, capperi nani dissalati, basilico in foglia, origano fresco in foglia, limone

Procedimento 

Condire la polpa di pomodoro con sale, olio e qualche goccia di aceto rosso. Tagliare le code di scampo per metà longitudinalmente, adagiarle in un foglio di pellicola e con l’aiuto di uno stampo grande a cerchio batterle leggermente a batticarne. Stendere il battuto di scampi sul piatto e, a questo punto, condirlo esattamente come una pizza: salare gli scampi, spalmare sopra il pomodoro, quindi i pezzetti piccoli di burrata, qualche cappero nano, le foglie di origano, le foglie di basilico, qualche goccia d’olio e qualche pezzetto di buccia di limone.

La ricetta è dello chef Daniel Canzian del ristorante DANIELCANZIAN di Milano.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta