La galleryLa NBA in ginocchio per la protesta Black lives matter

Nella “bolla” di Orlando a Disney World, i giocatori di basket si sono inginocchiati durante l’esecuzione dell’inno americano, e molti di loro hanno indossato le maglie con frasi legate alla battaglia per i diritti

La Nba riparte in ginocchio. Nella “bolla” di Orlando a Disney World i giocatori di basket si sono uniti alla protesta per Black lives matter. Sul campo sono poi arrivate le vittorie degli Utah Jazz e dei Lakers che hanno vinto il derby di Los Angeles con i Clippers.

Tutta la NBA unita contro il razzismo per ricordare la morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso durante un fermo di polizia, come assicurato anche dal commissioner Adam Silver, che ha detto che nessun atleta sarà punito per il gesto.

I cestisti si sono inginocchiati durante l’esecuzione dell’inno americano, e molti di loro hanno indossato le maglie con la scritta Black Lives Matter o con frasi legate comunque alla battaglia per i diritti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta