Slice Make pizza great again

Come fare pubblicità interplanetaria a una scarsa pizzeria nella periferia di New York? Basta chiedere al Presidente degli Stati Uniti in diretta tv. Lo strano caso di Guy Caligiuri e della sua Pizza Patio, a Long Island

Evan Agostini / Getty Images North America / Getty Images via AFP

Alle 10.26 di ieri, orario americano, il Presidente degli Stati Uniti ha pubblicato un tweet inconsueto persino per lui.

A che affare si riferisce? Che cosa c’entra la pizza? E perché ha taggato Varney, commentatore politico di Fox Business Network?

Abbiamo immaginato ci potesse essere qualche riferimento al Pizzagate, un complotto stile fake news con la stessa credibilità che può avere una discussione sulle scie chimiche, che però in queste ultime settimane sembrava aver ripreso vigore per colpa di Justin Bieber e di un suo post, nel quale si tocca il cappello nero.

I suoi fan si sono convinti che fosse la sua risposta – volutamente celata dietro ad un gesto senza peso – al suo coinvolgimento nell’affare che compromettebbe alcuni rappresentanti del Partito democratico. In sintesi, un giro di pedofilia, che avrebbe il suo centro nevralgico nel retro di una pizzeria di Washington.

Cercate l’hashtag #savebieber se non credete alla capacità del digitale di montare scandali sul vuoto cosmico.

Ma la pizzeria di Long Island non è coinvolta nel complotto, e Trump infatti nel suo tweet non si riferiva a quello. Ma a qualcosa di molto più personale.

Durante lo show del mattino condotto da Varney, Guy Caligiuri, il proprietario di Patio Pizza (che come ci assicura Grub Street è davvero una pizzeria, sta davvero a Long Island, e udite udite ha davvero anche un patio!) ha raccontato di essere stato minacciato da una cliente per aver appeso nel suo locale una bandiera inneggiante al Presidente.

Dobbiamo sapere altro sull’argomento? Probabilmente no, visto che la pizza – sempre secondo Grub Street e anche da quello che si può facilmente evincere scorrendo il menu – non ha alcuna attrattiva dal punto di vista del gusto. Ma se proprio ci teniamo ad andare a Long Island e a mangiare una slice, pare che proprio qui nasca una ricetta unica nel suo genere (sic!) in America.

Little Vincent’s a Huntington aggiungerebbe infatti a freddo, dopo la cottura della pizza, la ‘mozzarella’ tritata. Questo tocco renderebbe la sua pizza straordinaria. Agevoliamo foto per farvi inorridire meglio.

La pizza di Little Vincent’s dal profilo Facebook della pizzeria

Se invece volete seguire le indicazioni presidenziali e pensate che da Patio Pizza – autentica cucina italiana, così garantiscono sul sito – servano una ‘Great Pizza’ vi facciamo curiosare nel menu.

L’unica cosa che in tutto questo inutile dibattito esce male è proprio la ricetta dell’autentica pizza italiana. Mai abbastanza bistrattata.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta