La grafica EurostatI croati sono i giovani europei che ci mettono più tempo ad andare via di casa

Lasciano più in fretta il tetto di mamma e papà i ragazzi in Svezia (17 anni) e Lussemburgo (20), mentre in Italia lo fanno intorno ai 30 anni

Nel 2019 i giovani dell’Unione europea in media hanno lasciato la famiglia dei genitori all’età di 26,2 anni. L’abbandono del nucleo familiare è spesso influenzato dal fatto che i giovani abbiano o meno una relazione con il partner o studino, il loro livello di (in)dipendenza finanziaria, le condizioni del mercato del lavoro, l’accessibilità economica degli alloggi ma anche le particolarità culturali. Per questo motivo ci sono molte differenze tra gli Stati membri.

I più precoci sono in Svezia (17,8 anni), Lussemburgo (20,1) Danimarca (21,1) e Finlandia (21,8). I giovani hanno lasciato la casa prima dei 25 anni anche in Estonia (22,2), Francia (23,6), Germania e Paesi Bassi (entrambi con 23,7).

Mentre si rimane di più nella casa di mamma e papà in Croazia e Slovacchia (rispettivamente all’età di 31,8 e 30,9 anni) Anche i giovani adulti in Italia (30,1 anni), Bulgaria (30), Malta (29,9), Spagna (29,5), Portogallo (29) e Grecia (28,9) sono rimasti con i genitori più a lungo.

Leggi il rapporto completo sul sito di Eurostat

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta