L’inferno sono gli altriLa quarantena si addice ai misantropi perché li trasforma in eroi involontari

Riaprire dopo il lockdown dispiace soprattutto a chi, per natura e carattere, preferisce l’isolamento e la solitudine. Il suo stile di vita asociale si sposa alla perfezione con lo spirito del tempo in America, in cui chi esce lo fa senza gioia

Johannes EISELE / AFP

Un amico che ama vivere in solitudine mi scrive: «Nella zona dove vivo i negozi hanno riaperto, a parte alcuni dall’aspetto malconcio. La gente ha ripreso a guardare le vetrine, folle di persone si muovono come piccole onde lungo il marciapiede, i tavolini dei ristoranti si sono rovesciati sulla strade. In tanti modi diversi la vita ha ripreso a scorrere, anche se non ancora con la normale intensità. Io non ne sono molto contento. In un certo senso, il lockdown mi si addiceva. Fa sì che le persone normali si sentano intrappolate e imprigionate. Ma per me è stato una liberazione. Indugiare a casa, in mezzo ai barattoli di zuppa che avevo accumulato, evitare il contatto umano, vivere come se la società fosse crollata e, così facendo, passare settimane e mesi: tutto questo ha alleggerito il peso delle mie oppressioni.

Non dovevo più costringermi per uscire di casa ed entrare nel mondo. Il fascino della reclusione, che mi attira con tanta insistenza, si è rivelato indistinguibile dai doveri della responsabilità civica. La solitudine era solidarietà. Ero un cittadino modello. Per cui mi dispiace di vedere perfino queste timide riaperture. Mi consolo sottolineando che, nonostante le piccole folle che girano per strada, i segni di una gioia pubblica restano sottili. Solo di rado sento strombazzare, alla finestra, i clacson. Una gioia che ancora deve ritornare. A parte i manifestanti arrabbiati, che scandivano slogan mentre marciavano, nessuno per strada, per sei mesi fino ad adesso ha ancora accennato a cantare».

(Articolo pubblicato in inglese su Tablet)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta