x The Adecco Group

Parla l’ex consigliere di ObamaAlec Ross: «Cari italiani, il talento non vi manca. Ecco da dove partire per valorizzarlo»

«Quando vado nelle più importanti aziende della Silicon Valley e di Seattle, sento parlare italiano», racconta. «Bisogna fare in modo che quelli capaci possano rimanere qui e fare business in Italia»

(Foto: Morning Future)

Pablo Picasso può aiutarci ad affrontare questa pandemia nel migliore dei modi. Alec Ross, esperto americano di tecnologia ed ex consigliere per l’innovazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, cita una frase dell’artista spagnolo: «Ogni atto di creazione è innanzitutto un atto di distruzione».

Secondo Ross, esperto di tecnologia ed ex consigliere per l’innovazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, dobbiamo usare questo momento di crisi per ripensare il futuro dell’economia e della società. Sfruttiamo questa pausa per fermarci, pensare e ricostruire.

Ross ha vissuto nel nostro Paese quando era ragazzo e ama molto l’Italia. «Quando vado nelle più importanti aziende della Silicon Valley e di Seattle, sento parlare italiano e incontro tanti italiani», racconta. «È evidente che da voi c’è talento, ma mancano le opportunità per metterlo a frutto e così molti se ne vanno. Bisogna fare in modo che gli italiani capaci possano rimanere qui e possano fare business in Italia».

E ai giovani che si stanno formando dà consigli concreti. Che trovate in questa intervista:

 

CONTINUA A LEGGERE MORNING FUTURE

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta