Tutti contro tuttiConte fa un mezzo lockdown, la maggioranza gli chiede una mega verifica

Grillini contro ministri dem, zingarettiani contro sottosegretari grillini, Renzi contro tutti e tutti contro Renzi. E poi ancora, una destra che invoca nuove elezioni per approfittare delle difficoltà dell’elettorato e di tutto il Paese. Insomma, stanno emergendo tutte le contraddizioni di questa legislatura

Pixabay

Giuseppe Conte è riuscito nell’impresa di calamitare intorno all’ultimo dpcm tutti i malesseri, tutte le contrarietà, tutte le ansie di vendetta che da tempo covano in una maggioranza dove finora i non detto, le ipocrisie, l’inerziale assuefazione al potere hanno sempre avuto la meglio: ma adesso che l’onda del covid appare ingovernabile come quella che sommerge George Clooney nella “Tempesta perfetta” vengono fuori tutte le magagne.

L’ultimo dpcm, quello del mezzo lockdown, è difeso ormai solo dal Partito democratico. Perché c’è qualcuno che vuol far saltare il governo, fa capire Nicola Zingaretti. E negli ambienti dem si ipotizza che Renzi voglia far cadere il Conte 2 per un Conte 3 del quale farebbe parte anche lui. Veleni, voci. Come nei momenti più torbidi della vita delle legislature.

Mentre montano proteste di piazza più o meno eterodirette (ma pure a Torino e a Milano c’è la camorra?) la situazione del governo non è ancora fuori controllo: ma quando gli scricchiolii giungono contemporaneamente da troppe parti è segno che l’impalcatura traballa. La fortuna di Conte è che sul dpcm non si vota in Parlamento, e tuttavia resta la ferita.

La scena è di tutti contro tutti. Pare che la ricreazione nella maggioranza sia finita: grillini contro ministri dem, Partito democratico contro sottosegretari grillini, Renzi contro tutti e tutti contro Renzi, e il risultato è che «si balla un po’…», come ci ha detto un ministro di prima fascia che non si sbilancia in previsioni.

Maria Elena Boschi non ci sta a far passare il partito di Renzi come il killer designato quando invece le contraddizioni vere (tipo Mes) sono fra Partito democratico e Movimento Cinque stelle. E Luciano Nobili, sempre di Italia viva, taglia corto: «Noi non rinunciamo alle nostre idee e vogliamo essere ascoltati. È sempre più urgente un tavolo per definire un l’atto nuovo di legislatura». Una mega-verifica, insomma.

Da parte loro i grillini spargono veleni contro Paola De Micheli, rea di aver avallato un sostanziale non intervento per rafforzare il trasporto pubblico; ecco il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che trova insufficiente il dpcm e annuncia il ritiro dalla politica quando tutto questo sarà finito; il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora che è quasi venuto alle mani con Dario Franceschini nella lunga notte del varo del dpcm; e infine è arrivato il grande classico della rissa Renzi-Zinga dopo che il primo aveva chiesto di modificare la norma che impone la chiusura di cinema e teatri beccandosi una durissima reprimenda persino morale dal segretario del Partito democratico.

La tensione è molto alta anche a via XX Settembre, dove si sta lavorando alla norma per i famosi ristori che, si fa sapere, dovrebbero piovere sui conti correnti delle imprese in difficoltà l’11 novembre. «Ma se Renzi non fa il fenomeno – trapela – perché se ci fa cambiare il dpcm dovremo rifare tutti i calcoli».

Nel bailamme, un protagonista come Luigi De Magistris, che ha deciso di giocare un grottesco derby con Vincenzo De Luca a chi acchiappa più clic, annuncia che andrà in piazza con chi protesta, imitando così l’indimenticabile precedente di ministri e sottosegretari che marciavano contro il governo Prodi di cui facevano parte: De Magistris, figura istituzionale, dovrebbe fare altro che i cortei.

Insomma, l’aria sa di bruciato. Giorgia Meloni, a conferma di una linea sudamericana, chiede elezioni immaginando di lucrare sulle disgrazie non tanto di Giuseppe Conte ma del Paese. Ma la politica dell’azzardo coltivata a destra è cosa che non stupisce, il fatto nuovo è che la maggioranza, dopo l’ultimo dpcm, ha preso a fibrillare forte. E giovedì, in questo clima, Conte torna in Parlamento: non sarà una passeggiata di salute.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia