Pro e controCosa succederà all’economia della Croazia se deciderà di aderire all’Euro?

Un’analisi dello European data journalism network mostra quale impatto potrebbe avere sull’economia di un Paese fortemente dipendente dal turismo l’adozione della moneta unica. La data più realistica è il 1° gennaio 2024 ma il governo croato deve fare ancora molto per rispettare i parametri europei

Afp

Subito dopo le ultime elezioni parlamentari del luglio 2020, la Croazia, insieme alla Bulgaria, è entrata nel meccanismo di cambio dell’Unione europea (ERM-II), generalmente considerato una sala d’attesa per l’Eurozona. La notizia è stata illustrata dall’espressione fiorente sul volto del primo ministro Andrej Plenković e dalla promessa di Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea, che questo significherebbe tassi di interesse più bassi, migliore integrazione nel mercato unico, maggiore fiducia degli investitori, e costi di conversione inferiori.

La data più realistica per l’introduzione dell’euro è il 1° gennaio 2024. Fino ad allora, il governatore della Banca nazionale croata (CNB) Boris Vujcic ha sottolineato che l’obbligo della Croazia è di ridurre il deficit di bilancio al di sotto del tre per cento del PIL, oltre a ridurre il debito pubblico. Si prevede che la conversione della kuna croata in euro avverrà a un tasso di cambio che non varia da un quarto di secolo: 7,53 kune per 1 euro. Questa notizia ha provocato una notevole reazione negli ambienti economici croati.

Opinioni divergenti sull’impatto dell’ingresso nell’Eurozona
Tra gli economisti intervenuti, Velimir Šonje, proprietario dell’Arhivanalitika e feroce sostenitore del regime economico neoliberista dominante, ha espresso una visione positiva. Secondo lui la Croazia è già “euroizzata” comunque, poiché la sua economia è stata a lungo impregnata dell’euro. Ne consegue che la Croazia potrebbe conformarsi con piena fiducia alla politica monetaria della Banca centrale europea, che risponde alle esigenze specifiche degli Stati membri, modificando i tassi di interesse.

Il professore alla Facoltà di Economia di Zagabria, Ljubo Jurčić ha un’opinione diversa. «Il tasso di cambio 7,53 per l’euro ha strangolato l’industria croata, perché la produzione interna non si ripaga con questo tasso. Ecco perché gli ultimi 25 anni sono stati segnati dall’investimento nei centri commerciali e non nell’industria. Siccome le merci straniere sono più economiche a causa di questo tasso di cambio, non vale affatto la pena produrlo qui».

Secondo Jurčić, anche se il tasso di cambio raddoppiasse il prezzo della kuna contro l’euro, nulla cambierebbe perché l’industria nazionale è già stata “uccisa” dal tasso di cambio che ha privilegiato le importazioni per l’ultimo quarto di secolo. «Con l’ERM ci siamo ulteriormente seppelliti in fondo all’Unione Europea e stiamo diventando quello che era il Kosovo nell’ex Jugoslavia. Saremo nella flebo dell’Europa, a seconda dei fondi di aiuto destinati per i paesi poveri», ha concluso Jurčić.

Per Ivan Lovrinović, anche lui professore alla Facoltà di Economia di Zagabria, l’ingresso nell’Eurozona soddisfa il desiderio del primo ministro Plenković di trasferire la responsabilità per l’imminente recessione, causata dal COVID-19. «Il motivo principale del governo di Plenković è quello di aderire all’eurozona, perché entrando nel meccanismo di cambio II (ERM-II), conta su un unico meccanismo di riabilitazione e risanamento. Se una crisi ancora più grande si verifica in Croazia, e succederà presto, Plenković dovrà solo riferire a Bruxelles. Quindi, per la sua incompetenza e l’incompetenza del suo governo, vuole ricorrere a Bruxelles in modo che altri possano curare l’economia croata in difficoltà». Secondo Lovrinović, nessuna persona ragionevole effettuerebbe la conversione in una situazione in cui la stessa Eurozona sta tremando e quando la crisi del coronavirus sta minacciando l’economia europea e mondiale.

Višnja Vukov: l’integrazione economica della Croazia è relativamente infruttuosa
Abbiamo parlato con Višnja Vukov, professore del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università Pompeu Fabra di Barcellona, dell’ingresso della Croazia nella zona euro e delle relazioni commerciali con altri paesi. L’esperienza di Vukov comprende l’economia politica e modelli di gestione dell’integrazione europea, le conseguenze che tale integrazione può avere sulle capacità degli Stati integrati e i percorsi di sviluppo degli Stati periferici dell’Unione europea.

Secondo Vukov, la decisione di aderire all’Eurozona è solo la continuazione di una politica di stabilità monetaria di lunga data, ed è in realtà un passo logico considerando l’elevato livello di euroizzazione del debito in Croazia. «In queste circostanze, rinunciare alla presunta sovranità monetaria non è davvero una grande perdita perché il margine di manovra per la politica monetaria è stato comunque ridotto in modo significativo. Restrizioni simili sono presenti quando si fissa il tasso di cambio per l’euro – a causa dell’elevato livello di debito. euroizzazione sarebbe difficile sfruttare questo momento per svalutare la kuna croata, anche se in teoria una tale svalutazione potrebbe aiutare la competitività dei prezzi per gli esportatori croati».

In una situazione del genere, Vukov sottolinea l’importanza di fornire altre forme di incentivo che aumenterebbero la competitività delle esportazioni basate sulla qualità. Gli esempi includono prestiti più favorevoli, l’utilizzo della Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo, incentivi agli investimenti per i settori basati sulla conoscenza e quelli ad alto valore aggiunto e un approccio strategico per attrarre il tipo di investimento straniero che può aiutare lo sviluppo dell’economia croata, portando conoscenza e tecnologia, non solo capitale.

Quale sarà l’impatto complessivo dell’ingresso nella zona euro sull’economia della Croazia?
L’adesione all’euro significherà la possibilità di prestiti più economici e un accesso più facile al mercato finanziario, che sia il governo che la Banca nazionale croata (CNB) indicano come uno dei motivi principali per l’adesione. Lo dimostra anche l’esperienza di altri Paesi, soprattutto dell’Europa meridionale, che hanno visto grandi afflussi di capitali dopo l’adesione all’euro. La sfida principale è trovare un modo per utilizzare tali afflussi di capitali e la possibilità di ottenere prestiti più facili per la trasformazione economica e gli investimenti nello sviluppo sostenibile, invece di boom insostenibili nel mercato immobiliare o semplicemente facilitare il finanziamento della rete clientelare esistente.

Il predominio del turismo e la bassa quota di industria significano che dobbiamo importare merci. Inoltre, rispetto ad altri paesi dell’Europa orientale, la Croazia è scarsamente integrata nelle cosiddette catene del valore globali, a cui altri paesi si sono uniti attraverso investimenti esteri nell’industria. D’altra parte, grazie al turismo, la Croazia è un esportatore netto verso l’UE quando si tratta di servizi.

L’integrazione nel mercato comune di solito significa una maggiore specializzazione per le singole economie. In una tale divisione dei ruoli nel mercato europeo, la Croazia sta assumendo sempre più il ruolo di proprietario/affittuaro, cameriere/cameriera. L’elevata quota di contratti di lavoro a breve termine e la stagnazione dei salari reali sono solo alcune delle conseguenze della dipendenza dal turismo.

Nell’indagine europea sulla qualità della vita 2016, il 71% degli intervistati in Croazia ha affermato di aver avuto difficoltà a sbarcare il lunario, mentre la media dell’UE era del 39%.

Come stanno cambiando le relazioni commerciali all’interno dei Balcani occidentali?
Il commercio con i Balcani occidentali è leggermente diverso e il saldo è positivo perché la maggior parte di questi paesi ha registrato un declino economico e un crollo della capacità industriale ancora maggiori rispetto alla Croazia, sebbene siano partiti anche da una posizione di partenza relativamente più debole.
Quindi, l’impressione che le relazioni tra gli stati dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (SFRY) rimangano molto simili è corretta. La differenza è che le relazioni all’interno della regione oggi sono sempre più determinate dalle relazioni di ciascuno di questi paesi con le economie più ricche al di fuori della regione. Ad esempio, negli ultimi anni, la Serbia ha assistito a un forte aumento degli investimenti esteri nell’industria, in particolare nell’industria automobilistica, e si sta integrando sempre più nelle catene di valore globali, e credo che ciò influenzerà le sue relazioni commerciali con i suoi vicini in futuro.
Come valuteresti il ​​successo della Croazia in termini di trasformazione economica e integrazione nell’UE finora?
La trasformazione economica e l’integrazione della Croazia nell’Unione europea potrebbero essere valutate come relativamente infruttuose, soprattutto rispetto ad altri paesi che hanno affrontato sfide simili nella costruzione di un’economia di mercato e nell’integrazione con il mercato europeo. Solo alcuni indicatori: nel 2019, il PIL pro capite della Croazia era del 65% della media dell’UE, quasi allo stesso livello del 2008, quando era del 63%. Nello stesso periodo, dal 2008 al 2019, il Prodotto interno lordo della Polonia è cresciuto dal 56% al 73% della media europea e quello della Romania dal 52% al 69%.
Tra il 2000 e il 2018, nei nuovi Stati membri dell’UE dell’Europa orientale, i salari reali per persona occupata sono aumentati in media di circa il 50 per cento, mentre in Croazia sono rimasti stagnanti. Altri nuovi membri hanno anche compiuto alcuni progressi verso la trasformazione in economie basate sulla conoscenza, con maggiori investimenti in ricerca e sviluppo, dove anche la Croazia è in ritardo. In altre parole, la Croazia mostra una convergenza con l’UE più debole nella crescita economica, nei salari e nello sviluppo basato sulla conoscenza rispetto alla maggior parte degli altri paesi dell’Europa orientale, sebbene molti di loro abbiano ereditato una struttura economica meno favorevole dal periodo socialista.

Entrare nell’UE significa integrazione nel mercato comune con alcuni dei paesi più sviluppati del mondo, e questo processo, ovviamente, porta con sé sfide e pericoli specifici, perché interi settori possono facilmente scomparire sotto la pressione di tale concorrenza. Ma tale integrazione offre anche opportunità, dagli afflussi di capitali e un più facile accesso ai mercati finanziari, alle opportunità di espansione in nuovi mercati e un più facile accesso alle nuove tecnologie che possono migliorare le capacità economiche esistenti.

Mentre i paesi dell’Europa centrale e orientale sono riusciti a cogliere almeno alcune di queste opportunità, la Croazia ha avuto molto meno successo in questo senso. Ci sono diverse ragioni per questo, e tra le più importanti vorrei individuare un approccio specifico alla privatizzazione che ha creato il cosiddetto capitalismo di ‘partnership’ in una rete di relazioni clientelari, e la possibilità di fare affidamento sul turismo come fonte relativamente facile di reddito, che riduce la pressione e la necessità di cercare opportunità economiche in settori più complessi e tecnologicamente esigenti.

È giusto dire che la pandemia COVID-19 ha evidenziato ancora una volta il problema della Croazia come paese monoculturale orientato quasi esclusivamente al turismo?
L’eccessiva dipendenza dal turismo è infatti uno dei principali problemi dell’economia croata, e non solo perché il turismo si è dimostrato vulnerabile a vari shock, come una pandemia. Anche nei tempi migliori, il turismo è un settore a bassa tecnologia e bassa intensità di conoscenza e crea posti di lavoro prevalentemente precari e relativamente poco retribuiti di natura stagionale. Le ragioni di tale sviluppo monoculturale non sono solo la posizione geografica, ma anche il declino di altri settori, in particolare l’industria. A differenza di molti paesi dell’Europa orientale in cui i governi hanno dato la priorità al mantenimento e al miglioramento della capacità industriale, anche a costo di fare affidamento principalmente sugli investimenti esteri diretti, i governi croati hanno consentito il collasso dell’industria esistente.

Lo sviluppo dell’industria, e in particolare dei settori basati sull’alta tecnologia e conoscenza, richiede generalmente uno stato capace che fornisca incentivi allo sviluppo e agli investimenti in vari modi, con l’obiettivo di attrarre investitori sia stranieri che nazionali. I governi croati, d’altra parte, non si sono impegnati in tali politiche di sviluppo, soprattutto rispetto ad altri paesi, e l’approccio dominante sembra essere stato che, facendo affidamento sul turismo e sulle PMI, l’economia basata sulla conoscenza emergerà semplicemente da sola . Le conseguenze sono molteplici: dai già citati lavori di bassa qualità, precari e poco pagati, all’elevata emigrazione associata. Allo stesso tempo, il turismo, soprattutto attraverso l’IVA, è una fonte di entrate relativamente facile per riempire il bilancio dello Stato.

Leggi tutti gli articoli dello European data journalism network