Conti in tasca Gli chef italiani tra i più ricchi d’Europa

Attori, calciatori e musicisti tra i più benestanti al mondo? Non solo: adesso ad avere patrimoni a molti zeri ci sono anche i cuochi, nuove star del millennio

ETHAN MILLER / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / GETTY IMAGES VIA AFP

I migliori cuochi europei si contendono l’olimpo della ristorazione ma anche quello bancario, con i saldi dei loro conti correnti che beneficiano delle mille attività che affiancano alle loro cucine.

Da Nigella a Jamie, da Bottura a Cannavacciuolo, gli esperti di finanza del sito inglese Money hanno elaborato una classifica che ci rivela chi tra i più famosi ha anche più successo economico. Per determinare il risultato è stato utilizzato un sistema di classificazione che assegna un punteggio a ogni chef, in base a patrimonio, numero di libri di cucina pubblicati, stelle Michelin acquisite, presenza sui social media e carriera televisiva.

Nel Regno Unito stravince Gordon Ramsay, che occupa il primo posto come chef di maggior successo nel Celebrity Chef Credit Report, con un invidiabile 98,5 su 120, 16 stelle Michelin (7 delle quali mantenute), amato dal pubblico televisivo di tutto il mondo, con 32 programmi tv all’attivo, lo chef vale più di 171 milioni di sterline.

Secondo Jamie Oliver libri di cucina di successo e programmi tv gli hanno fatto guadagnare oltre 233 milioni di sterline, superando i guadagni di Gordon Ramsay ma rimanendo indietro in quanto a stelle e popolarità sui social network.

Ma se lo sguardo si amplia all’Europa, l’Italia è decisamente ben messa in questa bizzarra classifica.

Massimo Bottura occupa il primo posto come chef europeo con un punteggio di 60,5 su 120. Lo chef modenese di Osteria Francescana è una forza in una rivoluzione culinaria che ha costruito una credibilità e un’immagine che gli sono valse anche il titolo di Ambasciatore di Buona Volontà da parte del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) per il suo impegno sociale. Con 15 libri di cucina, sei ristoranti e quattro stelle Michelin, Bottura ha un valore stimato di 183.094.375 sterline.

Ma per il nostro Paese non finisce qui: al terzo posto il bistellato Antonino Cannavacciuolo, patron di Villa Crespi, uno degli chef italiani più conosciuti, grazie alla sua carriera televisiva. Con otto libri di cucina pubblicati e un vastissimo seguito sui social media di 2,8 milioni, non sorprende che Cannavacciuolo abbia un patrimonio netto di 4.908.992 sterline.

Quinto posto per il tristellato Heinz Beck, seguito al settimo da Cristina Bowerman e al nono da Massimiliano Alajmo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta