Incompatibile con il diritto comunitarioLa Corte di Giustizia dell’Ue ha condannato Orbàn per la legge anti Soros sulle università straniere

Il provvedimento approvato nel 2017 dal governo ungherese che ha portato alla chiusura della Central European Society ha violato gli obblighi sulla libera circolazione dei servizi, contravvenendo alle disposizioni della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione sulla libertà accademica

La Corte di Giustizia dell’Ue ha condannato il governo ungherese guidato da Viktor Orban per la legge sulla limitazione delle università straniere perché incompatibile con il diritto dell’Ue. L’Ungheria, si legge nella sentenza, ha violato i suoi obblighi sulla libera circolazione dei servizi e l’accordo generale sul commercio dei servizi dell’Omc. In più, ha violato le disposizioni della Carta dei diritti fondamentali dell’Ue sulla libertà accademica

La legge ungherese era stata approvata nel 2017 da Orbàn per chiudere la Central European University (CEU), l’università fondata da George Soros. Il miliardario ungherese naturalizzato statunitense da anni è il bersaglio politico di Fidesz, il partito di Orbàn. Infatti la legge ungherese impone a tutte gli atenei stranieri di avere una sede nel loro Paese di origine, nel caso della CEU gli Stati Uniti.

Così facendo però, secondo la Corte Ue, l’Ungheria ha discriminato in modo arbitrario l’ateneo, non rispettando l’Accordo generale sugli scambi di servizi (GATS), concluso nel quadro dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Non solo, il provvedimento è contrario anche alle disposizioni della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea che garantiscono la di fondare istituti di istruzione superiore senza vincoli astrusi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta