Buoni a nulla, capaci di tuttoDi Maio, Fico e Crimi rappresentano la catastrofe antropologica del potere

I grillini non credono a niente. Il loro movimento è costruito sulla frustrazione individuale e collettiva di una società declinante.Giuseppe Conte è solo la versione azzimata e con pochette di questo esperimento populista che una volta concluso verrà con molte probabilità sostituito da uno analogo e pure peggiore

Afp

Sentire Fico, Di Maio, Crimi e gli altri ex gerarchi minori e maggiori dei Vaffa-Day invocare il «rispetto del Parlamento» e la «responsabilità istituzionale» delle opposizioni conferma che solo gli stupidi non cambiano idea, ma solo i mascalzoni riescono a farlo rivendicando la coerenza della contraddizione e l’equivalenza tra il volto e la maschera. Il totalitarismo, del resto, non è solo il regime della violenza, ma in primo luogo quello della menzogna come unica e necessaria forma di verità politica.

Non c’è dunque da stupirsi che i banditori dell’odio e dell’invidia sociale contro la Casta, sbarcati nelle disprezzate istituzioni, oggi si votino a quell’inconfondibile qualunquismo predicatorio e moralistico, che dovrebbe rinnegare la vecchia politica e ne diventa invece una parodia grottesca e sinistra.

Il fatto è che non c’è nessuna differenza tra i Fico, Di Maio, Bonafede e Crimi che facevano i quadrumviri delle marce su Roma, in cui Beppe Grillo intimava ai deputati e senatori di uscire con le mani alzate e di arrendersi per avere salva la vita, e quelli che oggi recitano fervorini costituzionalistici, fanno i cerimonieri politici e ministeriali del new deal demo-populista e pensano di essere lo Stato per il solo fatto di averlo occupato con la loro corte di famiglia.

Non credendo a nulla, non possono cambiare idea, ma solo parte in commedia e tutte sono fungibili, purché remunerative e personalmente soddisfacenti. Un movimento politico costruito unicamente sulla frustrazione individuale e collettiva e sulle passioni tristi di una società declinante e smarrita può convertirsi a qualunque potere – da quello dello sfascio, a quello dell’occupazione – avendo orrore solo dell’impotenza, cioè di quel vuoto che lo ha generato e in cui qualunque potente teme di riprecipitare.

In questo anche la vanità degli esclusi, il fanatismo dei Di Battista, dei Casaleggio junior e dei sostenitori del movimento delle origini sembra confermare che la matrice politica e psicologica dell’assalto al Palazzo, era in questo bisogno di esserci e di contare, di lasciare un segno, fosse di distruzione come di imperio.

Chi ha un’idea così nichilistica e personale del potere si convince anche facilmente che l’abito faccia il monaco e che basti biascicare le sacre massime sul Parlamento e mettere la cravatta e il doppiopetto per diventare uomini delle istituzioni – non essendo, per loro, le istituzioni nulla, fuorché la faccia di chi le occupa con il giusto abito di scena.

L’antipolitica da sempre e in tutte le sue forme pre-totalitarie e totalitarie non è la rivolta disperata dei senza potere, ma è la manifestazione politicamente pandemica dell’invidia sociale del potere. È una forma di ideologia, cioè di falsa coscienza, proprio perché è il desiderio e non la denuncia di quell’arbitrio assoluto e di quella forza politica, di cui ci si sente vittime e si vorrebbe essere padroni, non dominati, ma dominatori.

Lo zoo umano grillino distribuito lungo tutta la linea di comando dello Stato, anche nelle sue manifestazioni più ridicole e miserabili (massimamente nell’ostentazione di titoli e onestà, nei curriculum gonfiati e nelle creste su diarie e contributi), è oggi a tutti gli effetti il potere, ma ne rappresenta anche la catastrofe antropologica, che gli alleati per così dire democratici continuano ipocritamente a relativizzare, con un fare sempre più esplicitamente negazionista.

E il Presidente Conte non è l’upgrade di tutto questo, ma solo la versione azzimata e con pochette di questa rovina, con un sovrappiù di sussiego professorale e di curialità burocratica, che lo rende perfetto per il tran tran dei palazzi, che i suoi sostenitori dovevano sfasciare e in cui bivaccano e bivaccheranno ottimamente, fino a che il ciclo di vita di questo esperimento populista non sarà concluso e magari sostituito da uno analogo e pure peggiore.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia