Statisti del 2020L’offerta Di Maio alla destra: dieci punti per rilanciare l’Italia

Dopo il voto quasi all’unanimità in Parlamento, il ministro degli Esteri sul Foglio lancia un patto trasversale con le opposizioni per disarmare il conflitto politico, «pur restando ognuno al suo posto», e «superare i mali storici del Paese». E, tra le righe, ammette di fatto il fallimento del suo reddito di cittadinanza

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse

Dopo il voto quasi all’unanimità in Parlamento con il sì del centrodestra allo scostamento di bilancio, la scena politica cambia. E il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ormai all’angolo nel caos dei Cinque Stelle, entra nelle vesti dello statista e in una lettera al Foglio lancia un patto trasversale in dieci punti per rilanciare l’Italia.

«Il mio appello è rivolto a tutti», scrive Di Maio. «Disarmiamo il conflitto politico, pur restando ognuno al suo posto (maggioranza e opposizione), lavoriamo insieme per rafforzare l’azione di governo. Solo così riusciremo a ricostruire l’Italia e a innescare quel cambiamento culturale che da tempo continuiamo a prometterci. Il voto di ieri all’unanimità è stato un segnale importante».

Da qui l’elenco delle dieci priorità che puntano «a riportare fiducia nei cittadini» e che Di Maio si augura «possano essere accolte come un contributo a una programmazione di largo respiro, nello spirito di unità e compattezza che ha sempre contraddistinto e continua a caratterizzare il governo, intorno all’azione del presidente Conte».

Ecco i titoli dell’offerta di Di Maio a Berlusconi, Salvini e Meloni: “Rendere il nostro debito pubblico sostenibile”; “Sostegno ai consumi verso comportamenti in linea con le transizioni ecologica e digitale”; “Rilanciare la produttività e il supporto al made in Italy”; “Rendere sostenibili le conseguenze del calo demografico”; “Lavoro e welfare”; “Ripensare la scuola: tempi, luoghi e organizzazione”; “Pubblica amministrazione e transizione digitale”; “Potenziare e rendere più efficace la giustizia”; “Riprogettare la sanità territoriale e la sua governance”; “Sicurezza, criminalità e intelligenza artificiale”.

Manca “abolire la povertà”. Ma quella, ormai, è un’altra storia. Ma nel capitolo “Lavoro e welfare”, Di Maio ammette tra le righe il fallimento del suo reddito di cittadinanza. «Credo sia opportuno», dice, «ripensare alcuni meccanismi separando nettamente gli strumenti di lotta alla povertà dai sostegni al reddito in mancanza di occupazione. Già in più di una occasione ho ribadito la necessità di affinare lo strumento del Reddito di cittadinanza, motivando i percettori a svolgere lavori socialmente utili. La vera grande sfida risiede ancora una volta nell’integrare le politiche di welfare con le politiche attive del lavoro, accompagnando il sostegno al reddito con un grande piano di investimenti per lo sviluppo delle competenze concertato da imprese e pa». In pratica quello che aveva annunciato due anni fa e non si è avverato.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia