Ultimo minutoIl regalo che non hai (ancora) fatto

Doni pieni di sapore, corsi essenziali, finestre sul mondo e adozioni ecosostenibili. In questa letterina, scritta dai nostri redattori, vi raccontiamo quali sono i regali che vorremmo e che magari potrebbero anche fare al caso vostro. Tutti ancora fattibili, per i ritardatari della Vigilia

Linkiesta Forecast + New York Times

Come non citarlo? Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è in stampa. 240 pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid, con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times. Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partnership con il New York Times, in esclusiva per l’Italia. Prenotatelo adesso, fino a Natale le spese postali saranno a carico della redazione. Sarà spedito con posta tracciata a inizio gennaio, quando si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco). Un regalo di spessore, di cui vi saremo eternamente grati!

Un corso a tema Food

Per tutti i foodies, per chi è alle prime armi o in cerca di un approccio metodologico, consiglio di regalarsi o regalare un corso di Food Writing o di Instagram Food Marketing con Maria Chiara Montera. Il 2021 viene inaugurato con un calendario completo di lezioni sulla comunicazione food dal nome di Food Masterclassalcune tenute da lei, altre da professioniste del settore. Tra le menzioni delle sue ultime edizioni anche alcuni esempi di buona scrittura di una delle penne di GK, Sara Porro. Fino al 15 gennaio 2021 tutti i nuovi corsi sono in promozione a 59 euro. (AMDL)

Una finestra sul Mondo

Il regalo che vorrei questo Natale è un viaggio. Anzi, l’idea di un viaggio, la prospettiva di un viaggio, in questo momento che sembra non avere orizzonti. Uno cheque cadeau di les Collectionneurs è una finestra su tutta Italia e su mezza Europa: si può scegliere la fascia di prezzo, e chi riceve il regalo, appena vede la cartolina virtuale, può iniziare a fantasticare sulla destinazione, tra tantissimi hotel di charme, magari aggiungendo una cena speciale. Che meta sceglierei? Lo Château de Sully, in Normandia, tra Bayeux e l’incantevole Port-en-Bessin, dove i prati sono così verdi che più verdi non si può, e l’Atlantico è così vicino che se ne sente il profumo. Ecco, il regalo che vorrei è l’oceano. (DG)

Un maestro dell’arte culinaria 

Molti grandi chef raccontano di aver imparato a cucinare osservando madri, nonne e zie in azione. Nonostante segua con attenzione le manovre culinarie di mia madre, alcuni passaggi “a sentimento” rimangono per me oscuri, portandomi a fallire su alcuni capisaldi della cucina come la focaccia. Il regalo che vorrei in questo Natale è un corso di cucina. Tra quelli disponibili online, il mio cuore batte per le Masterclass di Massimo Bottura, ma anche per quelli disponibili sulla piattaforma Acadèmia di Chef in camicia, un vero e proprio istituto di e-learning dedicato alla gastronomia. Tra gli insegnanti ci sono Davide Oldani, Ernst Knam, Norbert Niederkofler, Igles Corelli, Iginio e Debora Massari, HiroHiko Shoda, Carlotta Perego e Flavio Angiolillo. Una volta registrati, si possono scegliere uno o più corsi. Sperando che il prossimo sia un anno migliore, io faccio la mia parte e mi impegno per migliorare la mia cucina. (SL)

Un alveare

Le api sono l’anello fondamentale dell’intera catena alimentare. Grazie al loro instancabile lavoro di impollinazione, questi insetti inarrestabili sono responsabili di circa l’80% del cibo che mangiamo tutti i giorni. Purtroppo però, in una natura sempre più inospitale – spesso a causa degli interventi dell’uomo – le api sono quasi scomparse, l’avete notato? E allora, forse è arrivato il momento di dar loro una mano. Il progetto Adotta un alveare, ideato da 3Bee, permette di scegliere un apicoltore, in una rosa che comprende alcuni tra i migliori italiani, un alveare e un miele. Dopodiché, nelle settimane successive, sarà possibile seguire e monitorare da remoto la crescita del proprio alveare grazie ai sensori 3Bee, imparando a valutarne peso, umidità, temperatura e suoni. Il frutto di tali attenzioni, il miele, verrà poi consegnato ai novelli genitori adottivi di api. Il costo cambia a seconda del piano di adozione prescelto. (AP)

Una gift card ricca di gusto

L’ente milanese di alta formazione per cuochi e pasticceri Congusto Gourmet Institute ha inaugurato per il Natale 2020 una collaborazione con Cosaporto.it, il primo high quality delivery d’Italia. Dalla partnership tra le due realtà sono nati i kit ideali per regali da veri foodies, con gift card e libri di cucina, acquistabili su cosaporto.it. Ciascuna gift card può essere consegnata a domicilio, garantendo un regalo non solo creativo ma anche sicuro per il Natale che ci apprestiamo ad affrontare. Per acquistare le card è sufficiente visitare la sezione “Natale” del sito cosaporto.it oppure direttamente a questo link. (AP)
Un albero
Esperienza unica e supporto concreto ai piccoli agricoltori italiani: parte da qui il progetto che permette di adottare un albero, di dargli un nome e di ricevere a casa i suoi frutti. Il sito è super usabile, molto pratico, e permette di adottare o regalare questa esperienza e sostenere i piccoli produttori bio. Per ognuno di loro è evidenziato il contributo che Biorfarm fornisce. Se regalate, una mail automatica avvisa il vostro amico dell’adozione. Ideale anche se decidete di fare un dono all’ultimissimo minuto! Se invece comprate per voi, potete aggiungere all’adozione anche una normale spesa contadina.