Cade il veto di Polonia e UngheriaIl Consiglio europeo ha trovato un accordo per sbloccare il NextGenerationEu e il bilancio Ue 2021-2027

Polonia e Ungheria accettano di non eliminare l’intesa trovato dal Consiglio e dal Parlamento europeo per legare l’accesso ai fondi europei al rispetto dei principi dello Stato di diritto. Ma questo meccanismo non sarà applicato almeno per il prossimo anno e mezzo e sarà più sfumato rispetto alle intenzioni iniziali

Unsplash

Il Consiglio europeo ha trovato un accordo per superare il veto di Polonia e Ungheria sul bilancio dell’Ue 2021-2027 che bloccava a sua volta l’attivazione del NextGenerationEu, il piano di 750 miliardi di aiuti della Commissione europea per gli Stati membri. A sbloccare l’impasse è stato un compromesso proposto mercoledì dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e accettato anche dagli altri 26 leader europei. Ad annunciarlo è stato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. 

Polonia e Ungheria accettano di non eliminare l’accordo trovato dal Consiglio e dal Parlamento europeo per legare l’accesso ai fondi europei al rispetto dei principi dello Stato di diritto. Ma questo meccanismo non sarà applicato almeno per il prossimo anno e mezzo perché prima la Commissione europea dovrà fornire delle linee guida del regolamento con cui giudicare se il governo di uno Stato membro ha violato o meno i principi democratici. 

Ma se verrà proposto un ricorso di annullamento nei confronti del regolamento (Polonia e Ungheria lo faranno), le linee guida saranno finalizzate dopo la sentenza della Corte di giustizia in modo da tenere conto della sentenza 

Non solo, Polonia e Ungheria avranno la possibilità di ricorrere alla Corte di Giustizia dell’Unione europea nel caso non concordassero con il regolamento proposto dalla Commissione e per questo si dovrà aspettare la sentenza prima di poter attuare davvero il meccanismo. 

Secondo l’analisi di diversi esperti, questo sarebbe più che altro un espediente politico per guadagnare tempo: in concreto provocherebbe un ritardo fino al 2022, anno delle prossime elezioni parlamentari in Ungheria.

Mateusz Morawiecki e Viktor Orbàn hanno ottenuto altre due concessioni. Il vincolo dello stato di diritto varrà solo per le riforme fatte dal 1 gennaio 2021, quindi non si tiene conto di tutte le riforme fatte da Budapest e Varsavia in questi anni per diminuire l’indipendenza della magistratura, delle minoranze e dei media. 

Inoltre la semplice constatazione della violazione dello Stato di diritto non sarà sufficiente per bloccare i fondi perché bisogna provare prima che la riforma contro i principi democratici sia stata finanziata con i finanziamenti europei ricevuti. 

L’accordo è stato trovato solo giovedì sera perché alcuni leader degli Stati frugali (Paesi Bassi, Austria, Svezia e Danimarca), tra cui il premier olandese Mark Rutte volevano un parere dell’Ufficio legale del Consiglio europeo prima di dare il via libera. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta ForecastÈ arrivato Linkiesta Forecast + New York Times

Il nuovo super magazine Linkiesta Forecast, in collaborazione con il New York Times, è pronto.

Duecentoquaranta pagine sugli Scenari 2021, le tendenze, l’agenda globale della nuova èra post Covid.

Con interventi di Premi Nobel, di dissidenti, di campioni dello sport, di imprenditori, di artisti, di stilisti, di ambientalisti e delle firme de Linkiesta e del New York Times.

Un progetto straordinario de Linkiesta che si aggiunge al Paper, a K, ad Europea, a Gastronomika, ma reso ancora più eccezionale dalla partecipazione del New York Times, in esclusiva per l’Italia.

Prenotatelo adesso, sarà spedito con posta tracciata a partire dal 7 gennaio (al costo di 5 euro per l’invio), e si troverà anche nelle edicole di Milano e Roma e nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (seguirà elenco).

10 a copia