Verso il 20 gennaioIl Congresso proclama la vittoria di Joe Biden

È stato il vicepresidente Mike Pence a dichiarare l’accettazione dei voti del collegio elettorale. Il Parlamento ha respinto alcune contestazioni avanzate da esponenti repubblicani dopo che la seduta era stata interrotta per l’assalto dei manifestanti pro Trump a Capitol Hill

(AP Photo/Susan Walsh)

Il Congresso ha confermato la vittoria di Joe Biden e Kamala Harris come presidente e vicepresidente degli Stati Uniti al termine della seduta a camere riunite per certificare i voti del collegio elettorale, vinto dai democratici con 306 voti contro i 232 repubblicani.

La proclamazione è avvenuta poche ore dopo l’irruzione dei sostenitori di Trump al Campidoglio di mercoledì, che ha interrotto il conteggio elettorale finale.

Il Parlamento ha respinto le contestazioni avanzate da esponenti repubblicani sul voto di novembre, ponendo fine all’ultimo tentativo di ribaltare il risultato elettorale delle presidenziali. Si è sfiorata quasi la colluttazione in aula dopo che Conor Lamb, democratico della Pennsylvania, ha pronunciato un discorso acceso di condanna alle obiezioni repubblicane.

È stato il vicepresidente Mike Pence a dichiarare l’accettazione da parte del Congresso dei voti del collegio elettorale. Biden e Harris giureranno il 20 gennaio.

 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia