La prima manovraJoe Biden ha presentato un piano da 1.900 miliardi di dollari per combattere la pandemia

Il pacchetto si chiamerà American Rescue Plan e comprenderà 160 miliardi per rafforzare i programmi di vaccinazione e test, 350 miliardi da destinare a governi statali e locali e un trilione di aiuti alle famiglie attraverso assegni diretti e sussidi di disoccupazione

LaPresse

«Non c’e’ tempo da perdere, dobbiamo agire e dobbiamo agire subito». Così Joe Biden ha annunciato la sua prima manovra da presidente degli Stati Uniti (una volta che si sarà insediato alla Casa Bianca, cosa che avverrà il 20 gennaio). Si chiamerà American Rescue Plan: piano di salvataggio americano.

Prevede 1.900 miliardi di dollari di nuova spesa pubblica per vincere la sfida contro pandemia e recessione. Joe Biden annuncia che chiederà l’appoggio dei repubblicani al Congresso: «L’unità nazionale non è un sogno. È un passo concreto per fare insieme le cose di cui il paese ha bisogno. La salute della nazione è in gioco».

Il pacchetto, si legge sulla Stampa, comprende 160 miliardi per rafforzare i programmi di vaccinazione e test, 350 miliardi da destinare a governi statali e locali ed un trilione di aiuti alle famiglie attraverso assegni diretti e sussidi di disoccupazione. In particolare, si prevede di aggiungere 1400 dollari all’assegno da 600 già stanziato da una precedente misura: «Finiremo il lavoro per dare in tutto 2mila dollari alle persone che ne hanno più bisogno», ha detto ancora Biden.

Una parte di questa manovra – l’assegno da 1.400 dollari – è collegata all’eredità di Donald Trump perché il presidente uscente e sottoposto a impeachment tentò di far passare alla vigilia di Natale un pacchetto di aiuti molto sostanzioso, con assegni-bonifici da duemila dollari. Dovette rinunciare per la resistenza dei suoi parlamentari repubblicani, mentre i democratici lo sostenevano. Adesso questo American Rescue Plan diventa il primo test sull’agibilità di governo del nuovo presidente. Per una manovra di spesa pubblica di queste dimensioni, Biden tenterà la via maestra che sarebbe un accordo bipartisan. L’appoggio di una parte dei repubblicani renderebbe più facile e veloce l’approvazione del provvedimento.

«Mercoledì inizia un nuovo capitolo», annuncia il presidente eletto. «Durante questa pandemia – ha detto ancora Biden – milioni di americani, senza nessuna colpa, hanno perso la dignità ed il rispetto che viene con un lavoro ed un salario, c’è una grande, vera sofferenza nell’economia reale».

L’iniziativa del presidente eletto include anche una misura cara alla sinistra del partito democratico, ovvero l’aumento del salario minimo a 15 dollari l’ora. Il provvedimento presentato, destinato al salvataggio dell’economia americana, è solo il primo pilastro su una strategia a due gambe. Dopo il salvataggio ci sarà infatti un piano per la ripresa, che guarda più a lungo termine e include investimenti nelle infrastrutture e nella lotta al cambiamento climatico. Ammettendo che si tratta di misure costose, Biden dice: «i benefici superano i costi. Useremo i fondi dei contribuenti per ricostruire l’America e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha accentuato».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia