Daria BignardiLa mattina si informa via Whatsapp e Twitter e spesso balla sulle canzoni di Radio Capital

Di Giovanni Gastel, courtesy of Mondadori

Scrittrice, giornalista, ideatrice di numerosi programmi televisivi, Daria Bignardi conduce l’“Ora Daria” ne “Le mattine di Radio Capital” dal lunedì al venerdì alle ore 10. Il suo ultimo romanzo, “Oggi faccio azzurro”, da poco uscito per Mondadori, ha già superato le cinquantamila copie, mentre il suo primo libro di dodici anni fa, “Non vi lascerò orfani”, è appena stato ristampato da Mondadori nella collana degli Oscar 451 (quella dei classici). Qui inaugura la rubrica La dieta culturale, ispirata a The Interrogator di Monocle, con cui Linkiesta prova a tratteggiare con leggerezza i consumi informativi e culturali contemporanei.

Appena sveglia, dove cerca le notizie del giorno?
Sul mio iPhone che tengo sul comodino. Quindi leggo Linkiesta perché arriva su Whatsapp e L’Anteprima di Dell’Arti dalle mail. Poi guardo Twitter. E mentre faccio la doccia ascolto “Breakfast Club” su Radio Capital.

Sotto la doccia che cosa canticchia?
Non canticchio quasi mai, ma spesso ballo quel che passa la radio.

Legge i giornali a colazione col caffè, con una spremuta o con che cos’altro?
Non faccio colazione, prendo un espresso d’asporto in una torrefazione mentre vado in radio a piedi. Quando arrivo in redazione, do un’occhiata alla mazzetta dei giornali bevendo un secondo caffè dal distributore automatico e se ho fame prendo dei biscotti dal distributore di snack. Una colazione da Frecciarossa, senza Frecciarossa.

In che ordine legge i giornali?
A casa non leggo più giornali di carta, a parte il Foglio del venerdì e del fine settimana. Vado a cercare on line i pezzi che mi interessano a seconda delle segnalazioni di Twitter. Gli unici che leggo spesso oltre a Linkiesta sono il Post, l’HuffPost e Valigia Blu on line. E cerco il Buongiorno di Mattia Feltri sulla Stampa on line.

Che musica sta ascoltando ultimamente?
Oh, come al solito ascolto un po’ di tutto.

Come la ascolta: in streaming, vinile, alla radio?
Se sono nel mio studio in vinile, se sono in bagno in radio, mentre cucino collego le mie playlist da Spotify a una cassa bluetooth.

I cinque magazine che non mancano sul divano nel weekend?
Solo Internazionale e Vanity Fair, non arrivo a cinque, ho troppi libri da leggere.

L’ultimo libro che le è piaciuto?
“L’arte di legare le persone” di Paolo Milone, di Einaudi. Molto molto bello.

Guarda i telegiornali?
No.

Che serie tv sta guardando?
La quarta stagione di “Call my agent”: carina e poco impegnativa. Ho visto qualche puntata di “Ethos”, poi l’ho lasciata perché mi angosciava.

Social di riferimento?
Twitter e Instagram.

Si addormenta con un libro, con un magazine, con una serie tv o con un talk show?
Con un libro, ogni sera.