M5SilvioTra le tante, la notizia più bella è che alle prossime elezioni non ci sarà alcun Movimento 5 stelle

Dopo aver vinto le elezioni del 2018 gridando che mai si sarebbero mescolati con gli altri partiti, i grillini chiuderanno la legislatura avendo governato con tutti (tranne Fdi). È record

LaPresse - Palli Fabio

Ci sono molte ragioni di ottimismo e altrettante di preoccupazione, nel giorno in cui giura il governo presieduto da Mario Draghi, in cui siederanno fianco a fianco Luigi Di Maio e Mariastella Gelmini, Mara Carfagna e Stefano Patuanelli, Renato Brunetta e Federico d’Incà. Le ragioni di preoccupazione sono ovvie, sia per i giganteschi problemi che attendono il governo, sia per l’inevitabile eterogeneità della compagine ministeriale. Ma in quella eterogeneità sta anche la principale ragione di ottimismo, per il suo valore, diciamo così, pedagogico.

L’ultima carambola di questa folle legislatura, infatti, non è meno sorprendente del suo scoppiettante inizio, quando Di Maio, accanto all’ormai ex grillino Alessandro Di Battista, chiedeva l’impeachment per Sergio Mattarella in nome della coerenza antieuro dell’esecutivo gialloverde (e di Paolo Savona).

Ma non c’è bisogno di rifare tutta la storia. Basta dire che il partito trionfatore delle elezioni del 2018, che giurava di non volersi mescolare con nessuno dei «vecchi partiti» dell’esecrabile casta, principale se non unico articolo della sua costituzione materiale, chiuderà la legislatura avendo governato con tutti (escluso solo Fratelli d’Italia, almeno per ora, e per scelta di Fratelli d’Italia, non certo dei cinquestelle). Un record mondiale.

Ci sarà tempo per valutare, anche alla prova dei fatti, il grado effettivo di continuità o discontinuità con il governo Conte (del quale peraltro si ignora la destinazione: un segnale decisamente incoraggiante).

Salta agli occhi, per ora, la scelta di sottrarre agli uomini del precedente esecutivo — e della fu maggioranza giallorossa — qualsiasi voce in capitolo rispetto alla non irrilevante questione del Recovery Plan e del rilancio dell’economia (altro segnale incoraggiante).

Comunque vada a finire questa difficile sfida, il primo passo verso il futuro, per le nuove generazioni e per la ricostruzione non solo economica ma anzitutto politica e civile dell’Italia, sta proprio nell’altissimo valore pedagogico delle immagini di oggi, con la nuova foto di gruppo che immortalerà i ministri Di Maio e Brunetta l’uno accanto all’altro, al momento del giuramento. Qualunque cosa succeda, insomma, l’ottima notizia è che nel prossimo parlamento, dopo le elezioni, che verosimilmente si terranno nel 2023, non ci sarà più nessun Movimento 5 stelle.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia