Nun ce vonno sta’Conte e Trump pronti alla riscossa, con la complicità dei repubblicani del Gop e dei democratici del Gra

Nello stesso giorno, l’ex premier si candida leader dei grillini e l’ex presidente torna a parlare di rivincita. Ma tra alleanza Bibbona-Bibbiano e deliri da Mar-a-Lago si tratta più che altro di un triste spettacolo di varietà

joe-green, Unsplash

«L’incredibile esperienza che abbiamo cominciato insieme quattro anni fa non è finita. Questo pomeriggio ci siamo riuniti per parlare del futuro, del futuro del nostro movimento, del futuro del nostro partito e del futuro del nostro amato Paese». 

Queste parole non sono di Giuseppe Conte, al termine del vertice con l’astronauta Grillo e gli altri capoccioni Cinquestelle, anche se potrebbero essere state pronunciate esattamente da lui. Sono, invece, di Donald Trump, anche lui come l’amico Giuseppi tornato alla ribalta e pronto alla riscossa politica, guarda che combinazione, nello stesso giorno della nascita del partito post grillino fondato a Bibbona, la Mar-a-Lago di Beppe Grillo. 

Trump ha detto a una conferenza di conservatoroni americani in Florida, la grande Bibbona dell’ex presidente, che lui c’è ancora, che non è stato sconfitto, che non è affatto finita. Si candida o almeno fa credere che si candida al prossimo giro, non ci vuole stare, così come il collega sore loser Conte si candida a guidare l’alleanza strategica Bibbona-Bibbiano alle prossime elezioni con un Pd che, dopo la mortificante capitolazione nell’anno di governo e la strategia dell’#avanticonConte dettata da Casalino, al “populismo castista” dei grillini, un ossimoro da far impallidire quello delle “convergenze parallele”, ormai può cedere soltanto le chiavi di casa e la leadership elettorale della sinistra, in un finale da spettacolo di varietà. 

Il destino incrociato Trump-Conte continua a riproporsi, questa volta sotto forma di vaudeville e grazie al cameo del Grand Old Party e del Partito democratico del Grande Raccordo Anulare. Ma rispetto a un mese fa, quando erano parte del problema, i due amigos ora sono solo comparse. I protagonisti sono altri, sono due adulti e stanno ancora cercando di mettere ordine al caos che hanno ricevuto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia