Cucina con GastronomikaPain au Chocolat

Impariamo a preparare questa croccante goduria dal più celebre forno francese di Milano: la ricetta sembra percorribile, quasi a prova di imbranati ai fornelli. Serve il lievito di birra, ma non dovremmo ancora essere in rottura di stock. Proviamo?

Egalite

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti per sedici pain au chocolat

500 g di farina 00, 25 g di lievito fresco, 10 g di sale, 50 g di zucchero, 125 ml di latte, 125 ml di acqua, 300 g di burro, 1 tuorlo (da spennellare per la doratura), 32 bastoncini di cioccolato

Procedimento

Partiamo dalla preparazione dell’impasto, unendo in un’ampia ciotola farina di tipo 00, lievito, zucchero, latte, sale e acqua.
Lavoriamo l’impasto fino a quando si otterrà un composto omogeneo. Una volta terminato, lo lasciamo riposare in una teglia, avvolto da un telo di nylon per circa 12-18 ore.
Il giorno successivo, lo si divide in una serie di panetti e si procede con la stesura, ponendo al suo interno il burro ben freddo (questo dovrebbe essere circa il 30% del peso della porzione di impasto che si sta lavorando) e richiudendo l’impasto su se stesso in modo che ‘inglobi’ il burro.
In fase di chiusura prestate attenzione a non sovrapporre le due estremità dell’impasto e a pressare la superficie della pasta per sigillare bene il burro al suo interno.
Stendete delicatamente l’impasto (così da non romperlo e non far fuoriuscire il burro) fino a uno spessore di circa 5 mm e fate una piega a 4.
Riprendete l’impasto, stendetelo fino a ottenere nuovamente uno spessore di 5 mm  e fate un’ulteriore piega a 3.
Mettete in frigo per 30 minuti.
A questo punto potete stendere nuovamente l’impasto per ricavare i pain au chocalat.

Tagliate dei rettangoli di pasta, all’interno dei quali posizionerete 2 bastoncini di cioccolato.
Li arrotolate e li lasciate lievitare per 2 ore.
Infine spennellate delicatamente la superficie con un tuorlo d’uovo e infornate  a 170° per circa 17 minuti.
Sfornati i vostri Pain au Chocolat e…bon appétit!

La ricetta è di Égalité, via Melzo 22, Milano. La boulangerie di Porta Venezia porta a Milano la tradizione dei sapori di Francia, con una ricca proposta di prodotti inediti, da scoprire direttamente a casa propria nelle lunch box.
Oltre al pane e alle delizie salate, tante le proposte salate come la Pissaladière, la Galette Feuilletée, la Fougasse e il Pan-Bagnat Niçois, coi loro sapori e profumi d’Oltralpe tutti da scoprire. E naturalmente le celebri quiches: oltre alle classiche Lorraine e Chèvre tomates, le proposte del giorno permettono di provare varianti di stagione sempre diverse. Direttamente da Nizza arriva il Pan-Bagnat Niçois: una deliziosa pagnotta imbottita con peperoni, tonno, olive nere, basilico, pomodori, rapa e carciofi. In origine questo panino era la merenda dei pescatori: il pane raffermo, ammorbidito sott’acqua, veniva infatti impiegato per accompagnare la celebre insalata nizzarda, da cui prende il suo nome.Da non perdere anche la Galette Feuilletée, una torta salata a base di croccante pasta sfoglia, farcita con salmone e besciamella.Per finire, non possono mancare le quiches, vere e proprie regine della cucina francese! Un piatto gustoso che nella sua ricetta originale – la Quiche Lorraine – è composto da un guscio fragrante e da un morbido ripieno a base di uova, panna e pancette. Da Égalité è possibile provare anche la versione Chèvre tomates – con crème fraîche, uovo, caprino e pomodori – oltre a una serie di varianti, create ogni giorno in base alle materie prime di stagione.

E se il pain au chocolat non dovesse venire bene, potete sempre farvene consegnare uno a casa!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta